CONDIVIDI

mer

02

mag

2012

BEACH BOYS:il nuovo singolo in radio dal 4 maggio “That’s Why God Made The Radio” - tutti i dettagli del nuovo album in uscita a giugno

I BEACH BOYS lanciano il nuovo singolo in radio da venerdì 4 maggio “That’s Why God Made The Radio” e svelano i dettagli del nuovo album “That’s Why God Made The Radio” in uscita il 5 giugno su etichetta Capitol/EMI

Le celebrazioni del 50° annniversario della leggendaria band includono inoltre un tour internazionale e pubblicazioni commemorative del catalogo.

 

In Italia il 26 luglio (Roma) e il 27 luglio (Milano)

I membri fondatori dei Beach Boys, una delle più leggendarie band nella storia della musica, si sono riuniti per celebrare a livello mondiale il loro 50° anniversario, compreso un nuovo album, un tour internazionale e pubblicazioni commemorative del catalogo con edizioni speciali.

I Beach Boys (Brian Wilson, Mike Love, Al Jardine, Bruce Johnston e David Marks) hanno annunciato i dettagli del loro nuovo album di studio (disco che hanno appena finito di registrare presso gli Ocean Way Studios di Los Angeles) dal titolo “That’s Why God Made The Radio”.

L’album, il 29° lavoro di studio (compresa The SMiLE Sessions del 2011) e il primo dopo molti anni in cui compaiono tutti i membri originali attualmente in vita, sarà pubblicato in tutto il mondo il 5 Giugno su etichetta Capitol/EMI.

 

Ad anticipare l’album il singolo che dà il titolo al nuovo lavoro “That’s Why God Made The Radio”, in rotazione radiofonica in Italia da venerdì 4 maggio, un up-tempo in pieno stile Beach Boys dedicato alla più grande invenzione.... la radio.

“La radio è stata la mia fonte di educazione e formazione musicale” dice Brian Wilson. “Chuck Berry, Rosemary Clooney, The Four Freshmen, Phil Spector, Little Richard....questa era la musica che passavano le radio locali. Per molti di noi cresciuti negli anni ‘50, ‘60, ‘70, la radio ha avuto un ruolo fondamentale nelle nostre vite”.

È stato svelata l’intera tracklsit del nuovo album, 11 brani che illustrano la storia unica ed evocativa della West Cost con il suono inconfondibile e senza tempo della band.

Tracklist: 

  1. “That’s Why God Made the Radio”
  2. “Think About the Days”
  3. “Isn’t It Time”
  4. “Spring Vacation”
  5. “Private Life of Bill and Sue”
  6. “Shelter”
  7. “Daybreak Over the Ocean”
  8. “Beaches in Mind”
  9. “Strange World”
  10. “My Life Suite”
  11. “Summer’s Gone”




Prodotto da Brian Wilson e Mike Love, i brani sono stati scritti, arrangiati e registrati da tutti i componenti dei Beach Boys.

“Abbiamo fatto cerchio,” dice Al Jardine. “Condividendo i nostri ricordi e il nostro presente, quando siamo tutti assieme a cantare attorno al microfono, diventiamo una sola cosa.” A cui fa eco Bruce Johnston: “Ci siamo riuniti come band ma mai divisi come amici”.

“Questa è più una riunione di famiglia”, dice David Marks. “Quando siamo insieme, diventiamo forti. La combinazione vincente funziona sempre allo stesso modo dall’ultima volta in cui siamo stati assieme, e i cinque di noi diventano una cosa unica.”

Il tour del 50° Anniversario dei Beach Boys con la presenza di Brian Wilson inizia questa settimana da Tucson per poi approdare all’Hollywood Bowl per la prima volta dal lontano 1965, e a seguire il New Orleans Jazz & Heritage Festival (“Jazz Fest”) e il Bonnaroo Music and Arts Festival, oltre ai concerti di New York, Chicago, Boston, Philadelphia, Atlanta, Las Vegas, Washington, DC, Toronto, Montreal.

Il tour toccherà anche l’Europa e l’Italia dove i Beach Boys arriveranno il 26 luglio presso l’Ippodromo delle Capannelle di Roma e il 27 luglio all’Arena Civica di Milano.

Per cinque decadi, la band pop n° 1 in USA ha registrato e suonato la musica delle colonne sonore estive di tutto il mondo.

Nati a Hawthorne, California nel 1961, The Beach Boys erano inizialmente composti dai tre fratelli Wilson: Brian, Carl, Dennis, il cugino Mike Love e il compagno di scuola Al Jardine. Nel 1962, David Marks entrò a far parte del gruppo nel primo periodo di sucessi con la Capitol Records, per poi lasciare nel 1963, mentre nel 1965 Bruce Johnston si unì al gruppo nella parte live mentre Brian Wilson si concentrava in studio nella scrittura e produzione del gruppo.

I Beach Boys hanno firmato con la Capitol Records nel Luglio 1962 e pubblicato nello stesso anno il primo album Surfin’ Safari, rimasto 37 settimane nella Billboard chart, lanciando e consacrando definitivamente nella scena internazionale il giovane gruppo noto per le esaltanti armonie vocali e il rilassato stile californiano.


Nel 1966, i Beach Boys sono stati tra i primi a fondare una propria etichetta discografica, la Brother Records, Inc. (BRI) che ancora oggi ne gestisce la proprietà e i diritti.

I Beach Boys continuano a dominare da anni le classifiche di Billboard come band top seller negli album e singoli e sono inoltre il gruppo americano con più singoli nella classifica Top 40 (ben 36). ‘Sounds Of Summer: The Very Best Of The Beach Boys’ ha raggiunto il triplo platino e ‘The SMiLE Sessions,’ è stata nominata da Rolling Stone la migliore ristampa del 2011.

Presenti dal 1988 nella Rock and Roll Hall of Fame e premiati con il Grammy Award alla carriera, i Beach Boys sono un’istituzione Americana e una vera icona in tutto il mondo.

www.thebeachboys.com