CONDIVIDI

ven

11

mag

2012

Live Report RUSSIAN CIRCLES + DEAFHEAVEN @ Magnolia di Milano - 8 maggio 2012

Report a cura di Marco Ricciotti

Ho saputo che i Russian Circles avrebbero fatto una data in Italia al Magnolia di Milano, solo un paio di giorni dell'evento e ho fatto di tutto per incastare mille impegni e riuscire ad andare. Questo perché sapevo che ne sarebbe valsa la pena, memore della data di un paio di anni fa sempre in quel di Milano.

 

In tour con i post-rockers di Chicago c'erano i Deafheaven, di cui ho già parlato quando passarono dall'Italia durante il loro tour da headliner. Già dissi che non sono proprio un loro superfan nonostante apprezzi alcuni aspetti della loro musica, stavolta però a peggiorare le cose c'è una performance davvero di bassa qualità. Sarà anche colpa dei suoni un po' confusi ma in generale mi sono sembrati poco in sintonia tra di loro, poca organicità e senza impatto. Dall'ultimo tour è cambiato il batterista, non convince neanche lui. Peccato perché avevano davanti parecchie persone e avrebbero potuto lasciare un ricordo migliore e magari accaparrarsi qualche fan in più.

 

È il turno dei Russian Circles, riesco a guadagnare un posto strategico in mezzo alla folla per tenere d'occhio bassista e batterista...è più una lezione universitaria che un concerto per me. Partono e subito si capisce che non erano i suoni ad aver influito sul concerto dei Deafheaven, una botta incredibile, delle macchine da guerra. Ogni volta che il batterista colpisce il rullante è come se mi desse uno schiaffo per punirmi di averlo tradito avendo creduto in qualche altro Dio. Fanno tutti i pezzi che vuoi sentire, tutti con la stessa precisione che li contraddistingue: da notare che chitarrista e bassista fanno largo uso di loop e nessuno ha il metronomo in cuffia, questo significa suonare tutto perfettamente a tempo. Alla fine concedono anche un bis e il pubblico si scatena in un pogo, non si sa neanche perché, sono tutti troppo gasati. Insomma, ascoltate i Russian Circles e imparate a suonare come loro.