CONDIVIDI

sab

12

mag

2012

Recensione ALBEDO - A Casa

ALBEDO

A Casa

Inconsapevole Records

Data release: 1 Marzo 2012


 

Dopo il successo del loro primo concept album “Il Male”, eccoli qui i milanesi ALBEDO, con il secondo full lenght, A CASA, un lavoretto cantautorale leggero, a volte monotono ma non stupido, al contrario, ricco di input malinconici di riflessione sincera su quello che è la casa in senso lato per ognuno, usando parole che hanno il compito di spiegarlo agli esseri umani. Gli Albedo non le mandano a dire, sono diretti ed espliciti. Bene, era ora che qualcuno osasse tirare fuori le palle per dichiarare ciò che pensa senza usare l’aggressività tout court, inserendo in una produzione pop rock semi-allegra il proprio deciso punto di vista a corollario dell’alternative sound, della new wave e del rock (pop) sopraccitato.

 

Questo “pensiero” in musica è scaricabile gratis dal sito della Inconsapevole Records (www.inconsapevolerecords.com) e presenta armonici lineari che seguono la linea rocciosa tradizionale, senza virtuosismi esagerati, ma tecnicamente eccellenti. Il tutto serve per tenere unite le storie personali che i testi snocciolano una ad una e che vanno a formare un insieme come fosse abituale e normale. Beh del resto in latino l’albedo non è altro che il potere riflettente di una superficie, in breve è la luce bianca visibile e qui non è altro che il potere limpido del verbo che si riflette sullo spirito e sulla coscienza di ognuno di noi e loro/nostro compito è quello di renderlo manifesto e condivisibile il più possibile. Line-up: Raniero Federico Negri; Gabriele Sainaghi; Ruggiero Murray; Luca Padalino. Link: www.facebook.com/effettoalbedo; www.myspace.com/effettoalbedo

 

Margherita Simonetti