CONDIVIDI

lun

14

mag

2012

Recensione OUTOPSYA - Fake

OUTOPSYA

Fake

Lizard Records

Data Pubblicazione: 11 Novembre 2011

 

 

Due dischi (tanti in un epoca in cui predominano gli Ep), o meglio, due incubi tecnologici vanno a generare FAKE, seconda opera per i talentuosi trentini OUTOPSYA, della durata di novanta minuti (circa) pregni di inquietudini in musica corollate da atmosfere oscure e rumori ricercati: tanto basta per tracciare un viaggio per stomaci forti ai confini della realtà e per ritrovarsi alla fine di esso pressoché turbati e piegati in due. Capiamoci, questo è un ottimo lavoro complesso, per molti ma di certo non per tutti, con tanta roba pesante dentro, quindi suggeriamo spassionatamente di volgersi all’ascolto preparati, con lo stato d’animo giusto al fine di apprezzare nella totalità un prodotto di estremo peso e spessore e coglierne le notevoli variegate gradazioni.

 

Ecco così servito un noise su un letto di metal fuso con l’industrial, che si estende e dilata in maniera psichedelica lungo entrambi i cd estremi (soprattutto quello viola), con palese allentamento della tensione nel secondo (quello nero), andando incontro ad un effetto acido che si tuffa nel progressive rock, sicuramente meno indigesto. Certo, gli Outopsya con tale realizzazione non pensiamo aspirino ai piani alti delle charts, ma un grande merito va dato a chi ama osare e uscire dai soliti cliché precostituiti e per questo non è esagerazione reputarli geniali; inoltre, il fatto che la loro tecnica sia ineccepibile li rende vincitori tout court, promuovendo questo doppio album a pieni voti.

 

E’ l’avanguardia, signori miei, noi la sosteniamo applaudendo l’audacia di chi sa plasmare il sonoro, di chi ama sperimentare fastosamente e di chi possiede un bagaglio culturale non indifferente, dato che Fake nasce come colonna sonora del film muto “Il fantasma dell’opera” di R. Julien (1925) e non può altro che piacerci un gran tanto. Line-up: Luca Vianini_chitarra, voce, sintetizzatori e batteria; Evan Mazzucchi_basso, violoncello, artwork; Mr. Pc (terzo componente). Link: www.myspace.com/outopsya ; www.facebook.com/outopsya

 

Margherita Simonetti