CONDIVIDI

gio

24

mag

2012

Recensione VIOLET GIBSON - American Circus

VIOLET GIBSON

American Circus

logic(il)logic Records

Release Date: 24-04-2012

 

Fin dagli anni 80 sono stato un fermo sostenitore del movimento metal italiano. Per quanto mi è stato possibile ho sempre cercato di sostenere e contribuire alla sua crescita. Dopo ripetuti ascolti di questo “American Circus” dei nostrani Violet Gibson mi sono posto una domanda. Ma se una quindicina di anni fa per una band italiana era difficilissimo giungere al debutto discografico, come mai al giorno d’oggi c’è un proliferare così abnorme di cd? Mi spiego meglio. Oramai al giorno d’oggi fare un cd è alla portata di tutti, e se da un lato chiunque può far apprezzare le proprie doti di songwriter, dall’altro vengono dati alla stampa lavori che probabilmente, qualche anno fa, non sarebbero stati presi in considerazione da nessuna casa discografica. Con questo non voglio sminuire la passione e l’impegno di tutte quelle band che decidono di mettere la loro arte su supporto ottico. Sono fermamente convinto che chiunque decida di incidere un full-lenght lo faccia con il massimo dell’impegno, cercando di dare sempre e comunque il meglio. Purtroppo questo disco non si discosta di una virgola dal pensiero che vi ho esposto sopra. Pur essendo ben suonato e ben prodotto ha una lacuna incolmabile, quella di non contenere un riff o una melodia realmente valida, una di quelle che ti rimangono in testa, o che ti fanno sobbalzare sulla sedia.

 

La tecnica dei Violet Gibson non si discute, quello che invece balza immediatamente all’orecchio è la poca varietà di suoni utilizzati e il cantato monocorde che li accompagna. Certe volte bisognerebbe abbassare il volume e le distorsioni, perché non sempre giovano alla potenza delle canzoni, prova lampante di questo è la cover di “Superstition” di Stevie Wonder, che non si avvicina neanche lontanamente all’originale. Qualcosa di buono si intravede specialmente nella ballad “From The Moon To Your Feet”, dotata di un ottima atmosfera e nell’incalzante “Your Balls On Fire”, ma è sinceramente troppo poco per ottenere la sufficienza. Essendo il loro debutto penso che abbiano un buon margine di miglioramento, aspettiamo fiduciosi. Contatti: www.violetgibson.biz - www.logicillogic.net / www.atomicstuff.com

 

 

Recensione di Fabrizio Tasso

 

 

Tracklist:

 

1. Go Ahead

2. American Circus

3. Original Sinner

4. She Feels Alive

5. Superstition

6. In My Head

7. Forget About The Rain

8. Game Of Sorrow

9. I Wish I Could

10. Parasite

11. From The Moon To Your Feet

12. Your Balls On Fire

13. The Reason To Be God