CONDIVIDI

sab

30

giu

2012

Live Report TOM PETTY AND THE HEARTBREAKERS + JONATHAN WILSON al Lucca Summer Festival @ Piazza Napoleone – Lucca -29/06/2012

Report e foto a cura di Fabrizio Tasso

Devo dire che in questo periodo il nostro paese è letteralmente travolto da un invasione di “mostri sacri” della musica rock internazionale. Si stanno appena affievolendo le emozioni scaturite dai concerti di Bruce Springsteen e Lynyrd Skynyrd che subito spunta un nuovo imperdibile evento che tutti gli amanti della buona musica attendono da oltre 20 anni. In effetti Tom Petty manca da troppo tempo sui palchi europei e questa data inaugurale del Lucca Summer Festival, organizzata alla perfezione dalla D’Alessandro e Galli, rappresenta un piatto troppo succulento per non essere sbranato da noi di RockRebel Magazine. La location che ospita l’evento è la piazza principale di Lucca (detta Piazza Grande). Il palco è montato proprio di fronte a Palazzo Ducale. Appena entrati la vista è suggestiva, devo dire che questo posto è uno dei più belli che mi sia capitato di visitare.

Ad aprire la serata troviamo il cantautore americano Jonathan Wilson. Devo ammettere la mia ignoranza: non conoscevo né lui né le sue canzoni. Dopo 45 minuti l’impressione che mi ha dato mi ha lasciato abbastanza interdetto. Se da un lato le lunghe parti strumentali, in bilico tra rock e blues, mi hanno discretamente annoiato, dall’altro ho apprezzato un paio di pezzi dove la chitarra acustica e l’armonica hanno creato un intreccio melodico molto interessante. Specialmente “Valley Of The Silver Moon” con il suo incedere blues riesce a creare un’atmosfera particolarmente intensa. Non è decisamente il genere musicale che preferisco, ma il resto del pubblico sembra gradire le canzoni del ragazzo americano.

Dopo circa una mezz’ora fanno il loro ingresso sul palco Tom Petty e la sua band e da questo momento in poi sarà spettacolo con la S maiuscola. L’esperienza accumulata in quasi 40 anni di onorata carriera trasuda sino dalle prime note che scaturiscono dall’impianto. “Listen To Her Heart”, “You Wreck Me”, e la splendida “I Won’t Back Down” creano uno stato di estasi tra i presenti assolutamente coinvolti dal grande carisma di Tom e dei suoi ragazzi. Suoni perfetti, Tom in grande forma e una band perfettamente affiatata sono quanto di meglio un pubblico possa sperare. Non c’è tempo per rifiatare che viene estratta “Handle With Care” dall’album dei Traveling Wilburys (superband che annoverava tra le sue file Tom Petty, Bob Dylan, George Harrison, Jeff Lynne e Roy Orbison) e la folla va in delirio. Perfetto l’assolo di chitarra che intrecciandosi con l’armonica emoziona tutti i presenti. Il nostro eroe ha molte frecce ancora a disposizione e riesce sapientemente a coniugare cover e pezzi tratti dai suoi lavori come poche volte mi è capitato di vedere. Da “Oh Well” dei Fleetwood Mac a “Carol” (trascinante pezzo Rock n Roll) tratto dal repertorio di Chuck Berry si rimane praticamente in trance grazie all’assoluto coinvolgimento che i musicisti riescono a trasmettere. Le varie “Something Big”, “Free Fallin’” (cantata all’unisono da tutta la piazza) e “It’s Good To Be King” certificano la grande classe di Tom Petty e compagni. Il concerto volge verso la fine con “Learning To Fly” (in una versione completamente differente), “Yer So Bad” e “I Should Have Known It” (secondo estratto dal suo ultimo lavoro “Mojo” del 2010) che con il suo riff alla Jimmy Page trasmette una carica pazzesca facendo sobbalzare i presenti a più riprese. Ancora due Hits (“Refugee” e “Runnin’ Down A Dream”) e si conclude lo show tra un tripudio di applausi e cori da stadio.

 

Alcuni minuti di buio e Tom Petty and The Heartbreakers ritornano sul palco per regalarci le ultime tre emozioni. Si riparte con la meravigliosa “Mary Jane Last Dance” subito seguita da “Too Many Knowing” pezzo inedito suonato per la prima volta in questo tour apposta per questa data. Si chiude il tutto con “American Girl” con la piazza scatenata. Tom ringrazia il suo pubblico e promette di ritornare a suonare da noi non facendo passare mai più così tanto tempo. Noi ce lo auguriamo vivamente dato che di artisti di questo calibro oramai non se vedono più molti. In effetti trovatemi un'altra band che possa annoverare canzoni di successo in cinque decadi differenti. Inizio stratosferico dunque per questo Lucca Summer Festival, che nei prossimi tempi porterà sul suo palco artisti come Kasabian, Toto, Blink 182, Franco Battiato e molti altri. Se desiderate passare una fantastica giornata in un ambiente splendido, supportato da un’organizzazione perfetta per godervi il meglio della musica internazionale e italiana, questo festival è l’evento che fa per voi. Non perdete l’occasione, io sicuramente ritornerò. Complimenti vivissimi ai promoter che hanno svolto un lavoro egregio. Ci vediamo a Lucca ragazzi!!

 

 

Set list Tom Petty and The Heartbreakers

1. Listen To Her Heart

2. You Wreck Me

3. I Won’t Back Down

4. Here Comes My Girl

5. Handle With Care (Travelling Wilburys)

6. Good Enough

7. Oh Well

8. Something Big

9. Don’t Come Around Here No More

10. Free Fallin’

11. It’s Good To Be King

12. Carol

13. Learning To Fly

14. Yer So Bad

15. I Should Have Known It

16. Refugee

17. Runnin’ Down A Dream

bis

18. Mary Jane’s Last Dance

19. Too Many Knowing

20. American Girl

 

Jonathan Wilson