CONDIVIDI

sab

21

lug

2012

GUNS N' ROSES: “Appetite for destruction” 25 anni di distruzione- le dichiarazioni di Slash e Steven

21 luglio 1987 – California: una band semi-sconosciuta chiamata Guns n’ Roses pubblica il suo album di debutto dal titolo “Appetite for destruction”. L’album entra al 182smo posto della classifica di Billboard ma raggiunge in poco tempo la vetta, posizionandosi al primo posto il 24 settembre del 1988. Con ormai più di 35 milioni di copie vendute in tutto il mondo, Appetite è quello che si può definire un classico del rock mondiale. Da Welcome to the Jungle a Rocket Queen, passando per Paradise City e Sweet child o’ mine, l’album contiene probabilmente le più famose canzoni della band statunitense. Oggi l’album spegne 25 candeline ed alcuni membri degli originali Guns n’ Roses si è espressa a riguardo.

 

Slash, ormai chitarrista nella sua band featuring Myles Kennedy and The Conspirators, ha detto ai microfoni di ABC News Radio di essere fiero del suo vecchio lavoro: “Non sembra sia passato così tanto tempo e sono davvero, davvero fiero del lavoro che ho fatto con la mia vecchia band. L’album è diventato una pietra miliare del rock n’ roll e ne sono orgoglioso”. Il chitarrista ha aggiunto dei dettagli sulle fasi di registrazione del disco: “Per un periodo ci spostammo a Canoga Park, negli Oakwood Apartments che distruggemmo completamente e loro ci mandarono gli sbirri. Il periodo successivo fu quello in cui io dovevo registrare le parti di chitarra: per due settimane mi dedicai alle melodie. E poi, nel periodo successivo, andammo in 

Inghilterra e facemmo gli show al The Marquee. Quel periodo è molto fresco nella mia memoria”. 

Slash ha rilasciato anche altre dichiarazioni. Durante un’intervista per la radio australiana Triple M ha detto che Appetite non è quello che lui definirebbe il suo disco preferito: “Appetite non il mio album preferito. E’ un buon disco ma, per me, non è quel grande disco che dicono tutti. Parla di tutte quelle cose che nessuno aveva il coraggio di dire ma che tutti pensavano. 
Vivevamo al limite e parlavamo di quello. E la gente diceva: “Wow, è brutale!”Per quanto riguarda la composizione del disco, Slash ha detto che è come se si scrivesse da solo: “Il materiale fu scritto velocemente, veniva fuori da solo. Sapevo che Axl era davvero attento ai testi e passava molto tempo a scriverli. Ma gli arrangiamenti e la musica venivano fuori in un’ora al massimo”. 

Recentemente Noisecreep ha rilasciato anche un’intervista a Steven Adler. Il batterista ha detto: “Appetite è un disco rock n’ roll registrato in sei giorni da ragazzi amanti della musica. Furono tempi speciali e sono orgoglioso di averlo registrato con i ragazzi della band. Nessuno di noi immaginava che avrebbe avuto un così grande impatto nella storia del rock”Ricordiamo che Steven ha da poco fondato una nuova band, gli “Adler”, composta dal cantate Jacob Bunton, il chitarrista Lonny Paul (ex chitarrista anche degli Adler’s Appetite) e il bassista Johnny Martin. La band ha rilasciato già il primo singolo “The one that you hated” e l’album uscirà entro la fine dell’estate. 

 

a cura di Amelia Tomasicchio