CONDIVIDI

mar

31

lug

2012

Recensione ARABESKI ROCK - Il Viaggio

ARABESKI ROCK

Il Viaggio

Virtual Studio/Synpress - 2012

 

 

Nove canzoni pressoché strumentali ci accompagnano in un vagabondare esotico in terre e civiltà differenti dalla nostra e plasmano il contenuto de IL VIAGGIO, full lenght d’esordio del progetto ARABESKI ROCK, gruppo dalla matrice di base rock, come si evince dal nome stesso, sporcata da sonorità etniche in genere. Sin dall’opening, con “Cargo” ci si sente tirati all’interno di sapori e saperi lontani, avvolti da suoni di estrazione araba e dalle percussioni che invadono e indirizzano nel percorso segnato da tanti colori discordanti. Le tracce fluiscono tranquillamente, composte da un classic rock pacato di estrazione seventy, quale quello di “Le 2 lune” circondato da un alone di mistero, fino a “Lost in the desert”, dove si inseriscono due voci, una suadente femminile e una maschile arabeggiante, accentuando così le vibrazioni sensoriali fino ad ora percepite, sentendosi quasi pervasi e avvolti da profumi d’incensi orientali. In chiusura, con “Locanda”, i timbri rimandano alla tradizione spagnola, e completano il variopinto viaggio intrapreso.

 

L’apprezzata apertura al multietnico è sinonimo di crescita sia personale che musicale, i ritmi del mondo inseriti dentro il rock d’annata ci stanno e si incorporano così tanto da rendere il tutto molto innato come lo dovrebbe diventare sempre più l’incrocio culturale nel nostro quotidiano. Un bel mix per farci considerare che il divario forse in musica si riesce a colmare e questo ne è un esempio molto rock.

 

Line-up: Tiziano Novelli_chitarra; Claudio Gimmi_basso; Gabriele Morcavallo_batteria; Ashrad Saif_percussioni.

Link: www.facebook.com/arabeski.rock.1 ; www.myspace.com/arabeskirock

 

 

Margherita Simonetti

 

 

Tracklist:

Cargo

Gnawa

Le 2 lune

Movimento solare

Tramonto nel deserto

Lost in the desert

Introspezione

Verso Chernobyl

Locanda