CONDIVIDI

lun

17

set

2012

Recensione CRANCHI - Volevamo Uccidere il Re

CRANCHI

Volevamo Uccidere il Re

In The Bottle Records / Audioglobe

Data release: 9 Settembre 2012

 

 

Eccoci qui, nel mondo folk al profumo di provincia appartenente al progetto CRANCHI, un quartetto intraprendente che si ritrova a dare alla luce il secondo dischetto, dopo il precedente CARAMELLE CINESI (2011), dal titolo che si porta appresso un certo non so che di medievale, quale è VOLEVAMO UCCIDERE IL RE, composto da otto belle canzoni solide e incrollabili dai testi corposi. Siamo nella cerchia del cantautorato, quello non facile per capirci, quello che se hai poco da dire risulta essere frivolo e banale, ma qui non è affatto così, anzi, oltre alla tecnica superiore dei quattro maestri, l’insieme è molto accattivante, improntato su quel folk dal sapore antico, con il Po sullo sfondo a lasciare raccontare storie di una volta e donando quella vena malinconica difficile da estirpare.

 

Il tutto per un risultato dallo stile home made - beh in effetti l’album è stato registrato e mixato a casa di Marco Degli Esposti (Art of Wind, The Great Nothern X) - acquisendo sonorità quasi remote, senza contenuto contraffatto, ma, come si usava una volta, pulito e limpido, così com’è e come viene, dove la fatica è una delle componenti essenziali, encomiabili e non scindibile, dove è buona la prima. Un piccolo cameo lo offre la voce dal cantato in inglese di Francesca Amati (Comaneci, Amycanbe) nel brano introduttivo “Cecilia”, bella e suadente come lei sa fare.

Line-up: Massimiliano Cranchi_voce e chitarra acustica ; Marco Degli Esposti_seconda voce, chitarra elettrica, fisarmonica, pianoforte e banjo; Federico Maio_batteria, percussioni e cori ; Simone Castaldelli_basso e cori .

 

Link: www.myspace.com/cranchi ; www.youtube.com/thecranchiband ; www.soundcloud.com/cranchi-band

 

Margherita Simonetti

 

Track List:

1.Cecilia

2.La primavera di Neda

3.Il cuoco anarchico

4.Gaetano

5.Il brigante Robin Hood

6.Il ritorno di Maddalena

7.Ho lasciato il tuo amore

8.Anni di piombo