CONDIVIDI

gio

20

set

2012

Recensione GRANDI ANIMALI MARINI - Sulla Cresta Dell'Ombra

GRANDI ANIMALI MARINI

Sulla Cresta Dell'Ombra

Autoproduzione

Data Release: 25 settembre 2012

 

 

Il 2012 segna il buon ritorno dei Grandi Animali Marini, rock band Made In Italy che dopo anni di silenzio si ripresenta col nuovo album “Sulla Cresta Dell'Ombra”. Passato un periodo “dietro le quinte” il quartetto milanese, nato nel 2003, rinnova la line-up con l'arrivo di un nuovo batterista ritrovando anche quella vena rock poco espressa nel precedente lavoro; il gruppo non rinnega assolutamente il passato che lo vede partecipare al Festival di Sanremo nel 2007, col brano “Napoleone Azzurro”, e inserito nella colonna sonora del film Lezioni Di Cioccolato con “Splendidamente Pazza”, ma il nuovo album evidenzia una forte personalità attraverso la quale viene espressa la voglia di essere liberamente se stessi (in special modo nei testi), oltrepassando stereotipi e cliché che ben poco hanno a che fare con le note del frontman e chitarrista Francesco Ferrari, del chitarrista e supporto voce Gianluca Villa, del bassista Dario Giordano e il batterista Paolo Soffientini.

 

Per presentare al meglio il già citato “Sulla Cresta dell'Ombra” direi che arriva dopo molte esperienze, cambi di direzione ed incroci pericolosi, più precisamente è un viaggio verso una maggior consapevolezza cominciato dopo il primo lavoro e durato ben quattro anni.

Le dodici tracce del disco in questione suonano un rock variopinto con tocchi soft, altrettanti pop, piccoli spunti punk, elettronica e immancabili ballad, ma non solo, hanno altresì un'anima in quanto raccontano di persone che nella vita hanno fatto delle scelte pagandone, in qualche modo, le logiche conseguenze: la ragazza apatica della pop “Il Mare”, la giovane che attraverso un energico electric sound ha già visto “Il Centro Del Mondo” e cercando il nuovo si perde in se stessa.

 

Sonorità elettroniche le si ascoltano anche in ”Psicoterapia” dove un personaggio in analisi si riprende dopo una cura identica alla precedente, mentre la ballad “Io Non Ce La Farò” racconta di un uomo consapevole che probabilmente, dopo un percorso fatto di luci e ombre, non riuscirà ad arrivare da nessuna parte. Vi sono tematiche dedite anche all'amore se pur di visione pessimista, quei rapporti che si trascinano disperatamente perché manca il coraggio di interromperli come nell'atmosferica, toccante e malinconica ballad “Insospettabile” quanto nella rocker “Errori Umani”.

Riguardo le storie delle tracce rimanenti preferisco non farne menzione, trovo giusto lasciarle scoprire a chi si farà testimone dell'album diviso tra la voglia e la curiosità di ascoltarlo: a voi quindi il singolo in Depeche Mode eighties style “Le canzoni Non Vogliono Dire Niente”, la ballad in rhythm blues “Piove Nei Tuoi Occhi” e la super pop “Convincere” con un riff a sei corde dal forte richiamo U2, ebbene si, proprio la band del celeberrimo Bono Vox.

All'appello mancano ancora l'intensa nonché quarta ballad del disco“Venerdì”, l'energica keys rock “Il Peggio” e la conclusiva “Non Sento Niente” dove sono ancora gli anni '80 a fare da piacevole sponda.

 

 

Un cd che merita di essere ascoltato per la qualità della musica, la forte trasparenza dei testi e per meglio ammirare quattro musicisti che trasmettono apertamente il proprio pensiero; dulcis in fundo e in poche, ma significative parole: “Grandi Animali Marini per un Immenso Mondo Corallino”.

Link: www.grandianimalimarini.itwww.facebook.con/grandianimalimarini

 

Recensione di Francesco Cacciatore

 

 

TRACKLIST

 

1.Psicoterapia

2.Il Centro Del Mondo

3.Errori Umani

4.Io Non Ce La Farò

5.Il Mare

6.Insospettabile

7.Piove Nei Tuoi Occhi

8.Convincere

9.Venerdì

10.Le Canzoni Non Vogliono Dire Niente

11.Il Peggio

12.Non Sento Niente