CONDIVIDI

dom

23

set

2012

Recensione SEX PISTOLS - "Never Mind The Bollocks Here’s The Sex Pistols" Box Set

SEX PISTOLS

Never Mind The Bollocks Here’s The Sex Pistols 

Universal Music

Release date: 25 settembre 2012

 

 

Operazioni discografiche come questa che riguarda i mitici Sex Pistols ormai sono frequenti. In questo caso si celebra i 35 anni dall'uscita dell'unico e fantastico disco che i padrini del Punk inglese hanno sfornato, “Never Mind the Bollocks, Here's the Sex Pistols”, un album che non deve assolutamente mancare nella vostra collezione di bravi punk-rocker. Ascoltare le 12 tracce dopo tutti questi anni e capire che sia il suono che le liriche sono ancora attuali è sempre un emozione, e posiziona questo album tra i più importanti nella storia del rock. Tutte queste considerazioni sono state già scritte mille volte ma non ci stancheremo mai di ripetervele perché non sono altro che la pura verità.

 

I Ramones sono stati i primi a suonare veloci e distorti creando il punk,  ma sono stati i Sex Pistols a farlo conoscere al mondo intero. Erano un gruppo costruito a tavolino ? il Punk era una moda ? non lo so, ma l'uscita di questo LP ha dato una speranza ad un intera generazione, un modo di vedere e vivere il mondo diversamente, rompendo con il passato e dando una scossa a tutta la discografia mondiale. Inutile una recensione sulle canzoni, chi non le conosce ??!

 

Il cofanetto comprende tre CD ed un DVD : il primo CD è "Never Mind The bollocks" rimasterizzato, il secondo CD è una raccolta di B-Side e rarità interessanti, il terzo CD comprende due concerti del 1977 fatti nel nord Europa, infine il DVD raccoglie immagini del 1977 curate da Julien Temple, il tutto completato da un poster ed il 45 giri di "God save the Queen". Disponibile anche in doppio Cd Deluxe e Vinile (che sta tornando così di moda..), per un totale di 2 LP. Marketing ? sinceramente non me ne importa...Roba da fans? sicuramente.

 

Posso finalmente esprimere il mio giudizio dando il massimo dei voti con lode ad un disco che ha segnato in modo positivo la mia vita e quella di milioni di "vecchietti" che avevano dagli 11 ai 15  anni nel '77 .

 

 

 

Luca Casella