CONDIVIDI

sab

29

set

2012

Live Report IGGY POP & THE STOOGES @ Firenze, Piazza della Repubblica– 27 settembre 2012

Report e foto a cura di Amelia Tomasicchio

Quando hanno annunciato che Iggy Pop and The Stooges sarebbero stati i protagonisti dell’Hard Rock Café Rocks The Square di Firenze, ho subito pensato che sarebbe stato sicuramente un concerto da non perdere, il primo show autunnale per iniziare in bellezza questa nuova stagione rock n’ roll. L’evento, organizzato dall’Hard Rock Café di Firenze, in collaborazione con Fiat e Virgin Radio, era gratuito e a fare da cornice al palco, Piazza della Repubblica, il cosiddetto “ombelico” del capoluogo toscano.

 

E così eccomi qui in treno ad ascoltare in cuffia i grandi classici degli Stooges. Sono passati molti anni ormai dai tempi del loro album di debutto (“Stooges”- 1969) e quella che vedrò stasera non è la formazione originale. Defunti Ron Asheton e Dave Alexander (il paradiso, qualora esistesse, sarebbe sicuramente molto punk), l’attuale line up vede come loro sostituti d’eccellenza, James Williamson alla chitarra e Mike Watt al basso.

 

Arrivata a Firenze, mi metto lo zaino in spalle e l’asfalto sotto i piedi per cercare Piazza della Repubblica. Il mio orientamento è davvero pessimo ma seguendo la scia dei fans con la maglietta dell’Iguana, arrivo in pochi minuti a destinazione. Il clima autunnale inizia a farsi sentire ed a poche ore dall’inizio dal concerto inizia a piovere a dirotto. Nonostante tutto la piazza è gremita di gente e si attendono oltre 20.000 persone per quando Iggy salirà sul palco.

E’ ancora presto per ritirare i pass “v.i.p.”, la cui sigla nel mio caso starebbe per “very insignificant people”, e così visito l’Hard Rock, comprando da brava turista una maglietta della città. Finalmente arriva il momento di fare il “check in” e, ottenuti i pass, ci fanno accomodare nel retro dell’Hard Rock dov’era stata allestita una festa privata, con la promessa di avvisare i presenti all’inizio del concerto.

Passato qualche minuto mi ritrovo a parlare con Rita Gilligan, la prima cameriera nella storia dell’Hard Rock Café. Mi racconta che nel 1971 fu assunta all’Hard Rock di Hyde Park da Peter Morton in persona. Il motto ormai storico “Love All, Serve All”, mi spiega, era controcorrente negli anni ’70 e la stampa all’epoca diede al ristorante un paio di settimane di vita al massimo. Per un po’ di tempo continua sul viale dei ricordi, raccontandomi delle prime rockstar a cui servì al tavolo, da Eric Clapton a Pete Townshend degli Who. Rita è davvero una vecchietta rock n’ roll adorabile!Inutile dire, nessuno ci ha avvisati dell’inizio dello show. Arrivata al palco, stavano smontando le attrezzature delle band di apertura, i vincitori della Battle of the bands: i Dresma, i Lithio e i Madness Circus. Rita Gilligan è salita sul palco con dj Ringo insieme ad altre autorità dell’Hard Rock per ringraziare tutti dei 10.000 euro raccolti che andranno in beneficienza all’ospedale pediatrico Anna Meyer.

Scoccano le 22.00 ed Iggy Pop e gli Stooges salgono sul palco con la grinta e l’energia dei dodicenni. Ad aprire la serata è Raw Power, datata 1973, un classico che fa scatenare il pubblico accorso da tutta Italia. Tutti si chiedono se Iggy abbia fatto un patto col diavolo per essere così a sessantacinque anni ma credo che la vera domanda da fare sia: come fanno a rimanergli incollati addosso i pantaloni? Sono completamente sbottonati, i ragazzi in prima fila provano a tirarglieli via ma rimangono saldamente al loro posto! Scherzi a parte, la performance della band è di altissimo livello e la scaletta accontenta tutti i presenti. Ci sono le immancabili “Search and Destroy” e “The passengers”, cover come “Louie Louie”, originariamente composta da Richard Berry e canzoni storiche come “No Fun” e “Gimme Danger”. In più occasioni, Iggy ha invitato i fans a salire sul palco facendo lavorare duramente la security. Tra le tante ragazze, una si è anche denudata sul palco, rimanendo in perizoma. Il bello è stato quando un ragazzo dello staff è accorso per coprirla, ma è stato bruscamente cacciato dal palco dal tecnico del suono di Iggy. Una scena davvero esilarante. Non ci sono parole, Iggy è un vero animale da palcoscenico, forse uno degli ultimi veri punk esistenti sulla faccia della Terra. Dopo un’ora e mezza, l’evento è finito sulle note di “Your pretty face is going to hell” ed il pubblico era letteralmente impazzito.

Come se non bastasse, la serata è continuata all’Hard Rock Café di Firenze fino a notte inoltrata, sulle note delle canzoni mandate alla consolle da Andrea Rock e Giulia Salvi di Virgin Radio Italy. Per dovere di cronaca e obiettività, c’è da dire però che l’organizzazione non è stata eccellente. Iggy Pop and The Stooges hanno avuto qualche problema tecnico di troppo e la security ha dovuto soccorrere non pochi fans incastrati nella folla a causa della mancanza di corridoi di sicurezza. A parte queste piccole note, il 27 settembre 2012 è stata sicuramente una giornata indimenticabile e il concerto a dir poco emozionante.

 

 

SetList  Iggy Pop and The Stooges 

1. Raw Power

2. Search And Destroy

3. Gimme Danger

4. Snake Appeal

5. I got Nothin’

6. 1970

7. Fun House/ L.A. Blues

8. Beyond the Law

9. I got a right

10. I wanna be your dog

11. Open up and bleed

Encore

12. Penetration

13. The Passenger

14. No Fun

15. Louie Louie

16. Cock in my pocket

17. Your pretty face is going to hell