CONDIVIDI

mer

31

ott

2012

Recensione DANGER ZONE - "Undying"

DANGER ZONE

Undying

Avenue Of Allies

Release date: 2 novembre 2012

 

 

L'anno scorso vi avevamo parlato di “Line of Fire” l'album dei Danger Zone, composto nel 1989 che, per svariati problemi fu pubblicato solo nel 2011, e chiudemmo la nostra recensione con un “......poi se torna il feeling e l'armonia, si parlerà di nuovo album. Ne vedremo-ascolteremo delle belle, visti i personaggi coinvolti nel progetto”. Oggi, a conferma di quanto avevamo detto in tempi non sospetti, ci giunge il nuovo lavoro di questa band praticamente immutata dall'ultima formazione (Gigantelli, Priori, Galli e Palmieri). La musica dei Danger Zone è rimasta la stessa, nessun cambio radicale di genere, anzi.

 

Il disco si apre con l'omonima “Undying” che se non fosse per la voce tagliente di Giga, sarebbe sembrata una canzone dei Dokken. Il ritmo accelera un pochino con “I to I” e colpisce dritto nel segno con “Hottest Fire”, una song molto Kiss-oriented, mentre “Falling up” è la bella ballad strappamutande. “Desire” centra il bersaglio per l'ottimo lavoro di chitarra sull'assolo ma anche per il tiro; buonissima la prestazione di basso e batteria. “Love Still Finds a Way” ha un riff di chitarra che ricorda il George Lynch più cattivo.

 

Sembra proprio che i Danger Zone vogliano recuperare il tempo perduto in passato. In queste situazioni è la musica di solito a patirne di più, magari perché composta in fretta e furia senza la giusta ricerca. Per questo album è successo esattamente il contrario visto che alcune canzoni sono state composte nel 2010, ancora prima che “Line of Fire” fosse pubblicato. La dozzina di canzoni che compongono la tracklist sono tutte dotate di un certo spessore, di fatto non abbiamo trovato nessun riempitivo. Va da sé che viene da pensare: se già il precedente album è stato – erroneamente - congelato ed era un signor album; se questo album contiene canzoni che sono rimaste in un cassetto per un po' di tempo ed è un ottimo album anch'esso, non possiamo far altro che ringraziare la lungimiranza dell'etichetta Avenue Of Allies che ha dato il giusto spazio ad una band che lo merita.

 

Recensione di Andrea Lami

 

Tracklist:

1) Undying

2) I To I

3) Half A Chance

4) Paralyzed

5) Hottest Fire

6) Falling Up

7) Desire 4:33

8) Goin' On

9) More Heaven Than Hell

10) Stand Up

11) The Dreaming

12) Love Still Finds A Way

 

www.dangerzoneweb.com