CONDIVIDI

dom

04

nov

2012

Recensione YERBADIABLO - "Jester In Brick Lane"

YERBADIABLO

Jester In Brick Lane

Logic(il)logic Records

Release date: l 27 agosto  2012

 

 

Ci troviamo davanti ad un pazzo furioso, ma di quelli buoni, quantomeno musicalmente. Si perché Yerbadiablo è un one man band, scrive tutto lui, arrangia e suona tutto lui. Ancora non ci sarebbe niente di strano se non fosse che al nostro non piace semplicemente un genere musicale con le sue varie derivazioni, ma ascoltando il suo “Jester In Brick Lane”, ci accorgiamo che la sperimentazione rock, l’indie alternative, il punk e altri mille generi trovano la loro collocazione nei tredici brani che compongono l’album. Ovviamente anche il cantato di Yerbadiablo non è esente da sorprese, visto che è un misto di inglese e spagnolo e tutto trova un suo senso preciso. Album divertente e suonato molto molto bene, si vede che nulla è lasciato al caso ed infatti il calderone è pieno zeppo di sorprese.

 

Lasciatevi andare a pezzi come “Magic Jester’s Box” o “Brick Lane”, o dal brano che non poteva avere più titolo azzeccato di “Punk In-Fusion” vista la convivenza dei generi e l’ultima ma non ultima “Niebla”, cantata in spagnolo e dal risultato emozionale. Forse l’unica pecca, se proprio dobbiamo andare a cercare l’ago nel pagliaio, è la produzione, non certo all’altezza delle vette astruse che raggiunge l’artista che risulterà ai più non classificabile in qualche genere, ma che riesce a dare alla sua musica un’impronta personale ed efficace. Italiano e funambolico, Yerbadiablo ci trasporta in un mondo musicale non ancora esplorato, il suo.

 

 

Recensione di Emiliano Vallarino

 

Tracklist

 

1. Punk In-Fusion

2. Winston Smith & The Street Dogs

3. Brick Lane

4. Back To The Monkey

5. Z ètoile

6. Panamerika

7. Magic Jester’s Box

8. Sulphurea

9. Guilty Blues

10. Bad Days Good Waves

11. Towards Winay Marka

12. Niebla

13. Yerbadiablo