CONDIVIDI

lun

05

nov

2012

Recensione BAD BONES - "Snake & Bones"

BAD BONES

Snake & Bones

Bagana Records

Release date: 9 novembre 2012

 

 

I fratelli Bones tornano alla carica con il terzo album, il primo con il nuovo singer Max alla voce. La musica dei Bad Bones è un hard rock crudo, ma con molta melodia, testi che parlano di vita quotidiana, musica carica d'energia che ti arriva in faccia alla velocità con la quale Felix Baumgartner è tornato ad appoggiare i piedi sulla terra. Una formula semplice, composta dalla quadratura e precisione di Lele alla batteria, non sempre seguito dal bassista-compositore Steve che, ogni tanto, disegna, con il suo basso, melodie come una seconda chitarra. A questo si aggiunge il talento smisurato del chitarrista Meku e la new entry di Max alla voce.

 

L'album si apre con “Don't stop me” una canzone potente e diretta alla quale è impossibile resistere ed infatti partono sia il piedino che la testa. “Gasoline Rock” ha un intro di batteria alla Iron Maiden e mantiene il ritmo dell'album ad alti livelli, mentre “Am I Walking Alone” sarebbe fin troppo banale paragonarla a “Walk” dei Pantera, ma qui c'è di più, si sente spruzzata di Metallica. “Rebel Radio”, che abbiamo già imparato ad apprezzare dal vivo, oltre ad essere la nostra preferita per merito del titolo ribelle, è la canzone più semplice dell'album. “Follow The Rain” parte con un intro acustico, in stile ballad, per poi acquistare un po' più di nerbo con l'arrivo della sezione ritmica, ottima la slide-guitar di Meku.

 

“Snake & Bones” risulta un album riuscito dalla prima all'ultima nota scritta, ogni canzone è un piccolo pezzo di un puzzle che una volta completato si rivela in tutta la sua bellezza. Se il primo album era un viaggio nella provincia cuneese, il secondo parlava del viaggio in America, questo terzo album parla di un altro viaggio: quello introspettivo dentro noi stessi. Abbiamo avuto occasione di vedere il quartetto all'opera in svariati concerti e finalmente possiamo scrivere la nostra impressione. Max è un gran cantante, ma sentirlo alle prese con i brani di Meku, non ci aveva mai convinto del tutto. Oggi i Bad Bones ci regalano undici canzoni nuove di zecca, che sono un punto d'incontro tra i vecchi Bad Bones e il nuovo singer. Canzoni perfette dove Max può tirare fuori il meglio di sé.

 

Difficile non fare i complimenti al padre del disegno che ben rappresenta il nuovo corso, Enzo Rizzi, disegnatore ed autore -tra gli altri- di Heavy Bone nonchè collaboratore delle maggiori testate hard & heavy che escono mensilmente in edicola.

 

 

Recensione di Andrea Lami

 

Tracklist:

1.Don't Stop Me

2.Gasoline Rock

3.Snakes & Bones

4.Am I Walking Alone

5.Desert Star Blues

6.Rebel Radio

7.Jumping White Devil

8.Follow The Rain

9.Nowhere Girl

10.Bugs Lane

11.Indian Medicine Man

 

 

www.badbones.it