CONDIVIDI

gio

13

dic

2012

99 POSSE: guarda il video "University of Secondigliano"

Esce su YouTube oggi su la nuova “declinazione per immagini” voluta dalla 99POSSE per raccontare le storie contenute all’interno di “CATTIVI GUAGLIUNI”, il lavoro discografico che ha segnato il suo ritorno, dopo tanti anni, al posto che in tanti anni evidentemente nessuno aveva riempito: essere la voce voce lucida, radicale e underground al servizio della rappresentazione dell’Italia di oggi e della denuncia dell´ingiustizia e della repressione la libertà; temi che sono forse persino più attuali oggi di allora e certamente più urgenti.

Dopo l’ominima “Cattivi guagliuni” è stata la volta di “Tarantelle pe’ campà” e della emozionante “Mai più io sarò saggio”.

Oggi, ad essere ‘vestita’ di immagini è “University of Secondigliano”!

Secondigliano cantata dalla 99POSSE, per la quale vivere la strada è un po´ come studiare all´università, si imparano tante cose.

Secondigliano raccontata dai ragazzi di Secondigliano, da chi vive ci tutti i giorni e ne conosce bene i problemi e le difficoltà, e per questo coltiva i sogni di trasformare la realtà intorno e il proprio destino.

Secondigliano raccontata dal collettivo “Malavia”: giovani hip-hopper (Vincenzo Sottile, giovane pugile professionista - Davide Zazzaro, attivo nel centro territoriale “Mammut”) che sanno bene che, oltre alla disoccupazione, è la cattiva gestione delle risorse pubbliche a determinare il degrado e la malavita.

Partecipano al video i ragazzi dei Quartieri Spagnoli costituititsi nell´associazione culturale ”Socialmente pericolosi: anche loro, dal passato difficile, oggi coltivano il sogno di capovolgere la realtà che li circonda.

Il video di “University of Secondigliano” propone, in chiave iper-reale e in una formula “multitasking”, le storie raccontate dai ragazzi.

E’ stato realizzato da “Figli del Bronx”, realtà produttiva da sempre attenta ai territori periferici e marginali, che già aveva curato la produzione del video di “Cattivi Guagliuni”, il primo estratto da quest’ultimo album e diretto da Abel Ferrara.

 

Ecco il video: