CONDIVIDI

mer

19

dic

2012

Recensione THE LEECHES - Underwater

THE LEECHES

Underwater

Tre Accordi Records

Data Pubblicazione: 06 Novembre 2012

 

 

Ascoltando UNDERWATER, il nuovo disco dei THE LEECHES, viene in mente una cosa sola: che è bello. Anzi, ne viene in mente un’altra: che è perfetto così com’è. Spieghiamoci: la band comasca propone un fatrock semplice e comprensibile, ma lo fa in maniera veramente cazzuta e spontanea. Tecnica sì, anche se è palese che la chiave di volta sta nella passione e quest’ultima stravince alla grande. Non omettendo di certo che la produzione è affidata al newyorkese Daniel Rey (The Ramones, Misfits), il quale non è uno qualunque e fa la sua egregia parte nel rendere il disco quello che è, confermiamo senza se e senza ma che i tredici pezzi veloci e corti sono tutti importanti e sono pure messi insieme come Dio comanda tanto da provocare un vortice di punk&rock’n’roll con le chitarre sempre in primo piano spalleggiate dalla voce grezza e imperfetta ma confacente al sound di matrice americana eighty riconoscibilissima e totalmente apprezzabile. Non si esagera di certo se si dice che questo intrigante e lusinghiero punk rock non annoia bensì fortifica e affascina e non serve attendere molto per capirlo, perché già da “I’m Everything To Me” è chiaro a cosa si sta andando incontro e così lo è fino alla chiusura, cover dei Blue Öyster Cult compresa (“Me 262”). Signori, questo disco è da avere, se si ama il punk rock ancora di più, dubbi zero solo certezze.

 

Margherita Simonetti

 

Line-up:

Massi_voce e basso
Mexicano_chitarra
Freddy_chitarra

Mone_batteria

 

Tracklist:

1.I'm Everything To Me
2. Piranha Boys
3. Serious
4. Feelin' Alright Tonight
5. Down On My Knees
6. Vanilla Coke
7. Stop The Clock
8. Nothing At All
9. Standing On My Tomb
10. My Life
11. Too Hungry To Pray
12. Me 262
13. Into The Storm

 

Web site:www.facebook.com/LEECHES; www.myspace.com/leechesfatrock; http://twitter.com/#!/theleeches