CONDIVIDI

gio

20

dic

2012

Live Report CONVERGE @ Factory di Milano- 20 dicembre 2012

a cura di Luca Casella

I CONVERGE ormai sono una sicurezza, per chi organizza, per il pubblico, insomma per chi ci mette i soldi. Siamo presenti alla data Milanese del tour che comprende anche altri tre gruppi: THE SECRET che aprono le danze un po' presto e dei quali vedo solo l'ultimo pezzo per cui non posso parlare della loro esibizione. Seguono gli A STORM OF LIGHT, sempre facenti parte della "scuderia" del cantante dei CONVERGE, ci propongono un suono estremo che dire noioso è poco, chiudo qui i commenti. Finalmente si torna a sentire un po' di musica con il penultimo gruppo, gli TOUCHE' AMORE' risultano piacevoli nel loro Hardcore urlato a più non posso, il pubblico apprezza ed il cantante si lascia accarezzare dai fans urlando gli ultimi pezzi in mezzo alle prime sudatissime file dei paganti.

 

 

Arriviamo agli headliner, i CONVERGE, già visti qualche anno fa e pertanto sapevo cosa mi aspettava, songs urlate, tirate, potenti nei suoni, apprezzate e cantate da chi conosce le parole...perché capire cosa canta Jacob è francamente impossibile, almeno per chi scrive. Una scaletta di diciotto brani, vecchi e nuovi fanno la felicità dei fans, complessità di linee delle chitarre, basso maltrattato e batteria tiratissima danno alito all'estremo dei suoni in un mix di sudori, salti, condivisione e pogo continuo. Il tutto per un oretta scarsa come da copione. Il Factory pieno, quasi vicino al sold-out, fa da cornice al concerto, giovani e meno giovani, barbuti con lobi dilatati, indossatori di pantaloni attillati e scarpe di tela, alternativi, impegnati nell' "artistico" sono la quasi totalità dei presenti. Insomma un successo annunciato nonostante il freddo il periodo pre-natalizio e la crisi vera o presunta. Alla fine è sempre un piacere, non penso lo sia stato per i fotografi accreditati... per come sono stati trattati, cacciati in malo modo e sembra poco graditi dal leader della band di Boston. 

 

Ultima cosa..grazie all' HUB Music Factory per l'ospitalità