CONDIVIDI

ven

28

dic

2012

Recensione STONE SOUR - House of Gold & Bones Part I

STONE SOUR

House of Gold & Bones Part I

Roadrunner Records

Release Date: 23 Ottobre 2012

 

 

Molto al di sopra delle aspettative, HOUSE OF GOLD & BONES Part I, è il nuovo concept album dei controversi STONE SOUR, di cui ora si attende il seguito e la cui uscita è prevista nell' imminente anno 2013. Taylor & Co. sfornano un disco sorprendente, ci voleva, in quanto bisognava in qualche maniera sopire le critiche subite dal precedente "Audio Secrecy" di essere troppo commerciale. Sono serviti due anni per offrirci su un piatto d' argento undici pezzi (per ora, in quanto la seconda parte pare ne includa tredici) inattesi e impensati che raccontano una storia come tante, quella di un essere vivente alle prese con le scelte dettate dalle imposizioni della vita da adulto e le leggerezze adolescenziali e che musicalmente non concedono delle novità spettacolari, ma regalano delle valide canzoni che spaziano dal rock bello carico all' heavy metal, all' alternative e al melodico raffinato e sexy dominante introdotto dal piano suonato dall'egocentrico ma vero frontman che è Corey Taylor. Difficile dire quale sia il brano migliore, in quanto sia quelli hard che quelli soft sono da urlo e non adatti per fare scelte.

 

Già in partenza con "Gone Sovereing" si palesa quella solidità che poi sarà parte integrante del disco e con "Absolute Zero" ci si convincerà senza se e senza ma aggiuntivi. Da qui si va verso momenti più sentiti e di forte pathos con "The Travelers, Pt.1" pervenendo al culmine con la sofferta "Taciturn" per poi tornare a martellare con "Last of the Real" di chiusura. Ogni song ha il suo perché e va bene così. Questo è un disco migliore, ma soprattutto sfata un po' la leggenda metropolitana che narra che gli Stone Sour hanno esaurito la vena artistica, beh a noi non sembra affatto, anzi il fiume è in piena. Per ultimo ricordiamo che l'album uscirà anche in versione comic book, tanto per farci intendere che la polivalenza di Corey Taylor (tra le altre cose voce degli Slipknot, si sa) è senza fine, insieme alla sua carismatica personalità.

 

Margherita Simonetti

 

Line-up:

Corey Taylor_voce e piano

James Root_chitarra

Josh Rand_chitarra

Rachel Bolan_basso (in studio)

Roy Mayorga_ batteria e synth

 

Track List:

1.Gone Sovereign

2.Absolute Zero

3.A Rumour of Skin

4.The Travelers, Pt.1

5.Tired

6.RU486

7.My Name is Allen

8.Taciturn

9.Influence of a Drowsy God

10.The Travelers, Pt.2

11.Last of the Real

 

Web site: www.stonesour.com