CONDIVIDI

lun

21

gen

2013

Recensione JORN - Symphonic

JORN

Symphonic

Frontiers Records

Release Date : 25 gennaio 2013

 

A poco più di sei mesi dalla sua ultima fatica "Bring Heavy Rock To The Land" torna sul mercato il grandissimo Jorn con un album molto particolare. Certamente la teoria del "battere il ferro finche è ancora caldo" è una scelta azzeccata, dato il successo riscosso dalla sua ultima release. Partiamo dall'idea di riproporre in chiave sinfonica parte del suo repertorio. La trovata non è propriamente originale dato che molti artisti in passato hanno già sfruttato lo stesso filone (vedi Kiss, Deep Purple e Metallica per citarne solo alcuni). A rendere interessante questo cd è però il fatto di aver scelto le canzoni che si prestano di più al riadattamento sinfonico, piuttosto che puntare sui suoi brani più famosi. Questa scelta infatti non trasforma il suo lavoro in un ennesimo greatest hits (vedi "The Gathering" del 2007 e "Dukebox" del 2009) ma lo rende estremamente appetibile al suo folto numero di fans. Le canzoni scelte non sono state riregistrate ma solo re-mixate, sovrapponendo la traccia dell'orchestra ed enfatizzando particolarmente quest'ultima. Il risultato è altalenante, ma i picchi superano di gran numero i cali di tensione. Certe canzoni come "I Came To Rock" vengono parzialmente penalizzate, dato che l'orchestra copre troppo il suono delle chitarre, ma altre ne acquistano un pathos davvero straordinario. "War Of The World", "Rock 'n' Roll Children" (di Ronnie James Dio) e "Burn Your Flame" nella nuova veste sono estremamente trascinanti, ma il meglio Jorn lo tira fuori dai lenti come "The World I See" e "Behind The Clown". Queste canzoni già suscitavano emozioni nella loro versione originale, ma le sapienti partiture classiche inserite le trasformano in veri e propri gioielli. Invece "My Road" non acquista né perde niente e l'ennesima versione di "Time To Be King" non fa gridare al miracolo. A chiudere questo "Symphonic" troviamo il secondo tributo a Ronnie James Dio con la cover di "Mob Rules" dei Black Sabbath, che nella sua rivisitazione orchestrale non sfigura nei confronti dell'originale. In definitiva questo cd piacerà sicuramente ai sostenitori del biondo cantante norvegese e a tutti gli amanti della buona musica. Keep Rockin'!!!

 

Fabrizio Tasso

 

Tracklist

01. I Came To Rock

02. Rock 'n' Roll Children (Dio Cover)

03. The World I See

04. Burn Your Flame

05. Man Of The Dark

06. My Road

07. Time To Be King (Masterplan Cover)

08. Black Morning

09. Like Stone In Water

10. Vision Eyes

11. War Of The World

12. Behind The Clown

13. A Thousand Cuts

14. The Mob Rules (Black Sabbath Cover)