CONDIVIDI

mar

19

mar

2013

Live Report - ERIC MARTIN @ Init Club Roma – 18 marzo 2013

Foto e Report a Cura di Amelia Tomasicchio 

 

Un mese pieno di eventi, questo marzo romano 2013 e ieri, 18 marzo, nel diciottesimo giorno dedicato a Marte, si è tenuto all’Init Club di Roma il concerto di Eric Martin, cantante della famosa band anni ’90 dei Mr. Big.

 

In perfetto orario come sempre, Martin è salito sul palco impugnando la sua chitarra, carico di energia e pronto per l’ultimo concerto italiano del suo tour acustico da solista. Lo spettacolo ha inizio dunque alle 22 con un simpatico Martin che si diletta in un tributo alla città ed al Paese che lo sta ospitando: una breve performance a cappella della classica “Volare” di Domenico Modugno, giusto per non far dimenticare a nessuno come gli italiani siano conosciuti all’estero.

“Where Do I In”, “Kansas” e “There Goes the Neighborhood” sono le prime tre canzoni ad aprire la serata, che prosegue per due ore sulle note di una setlist che include grandi hits dei Mr. Big, classici tratti dagli album solisti di Eric e cover, tra cui la celeberrima “Wild World” di Cat Stevens.

 

Sono state suonate solo poche canzoni, quando un problema tecnico fa sospendere per qualche minuto lo spettacolo: preso dall’entusiasmo, infatti, Martin rompe accidentalmente una corda della chitarra e il pubblico chiama in coro il tecnico che sembra essersi volatilizzato. Eric non si perde d’animo neanche per un secondo e, da bravo cantastorie, intrattiene come può il pubblico, arrivando anche a suonare con le sole cinque corde restanti.

 

Poi il concerto subisce una svolta più rock n’ roll: salgono sul palco il percussionista Mauro Munzi e il chitarrista Fabio Cerrone e con Martin suonano “Daddy, Brother, Lover, Little Boy", "Fantastic"e "Take Cover". Sempre con la battuta pronta e con una forte presenza scenica, Martin racconta come nacque “Rose Alone”, ironizzando sul fatto che la ragazza di cui si parla nella canzone in realtà si chiamasse Lisa, ma lui decise per una più poetica “rosa solitaria”.

Scocca la mezzanotte e, per evitare che la carrozza si trasformi in zucca, il concerto finisce dopo tre canzoni di encore e con la promessa, quanto prima possibile, di un ritorno di Martin nella caput mundi.

 

Nonostante qualche problema tecnico di troppo e le luci rossastre che hanno reso difficile il lavoro dei fotografi (o forse solo della sottoscritta), quella di ieri sera all’Init Club di Roma è stata sicuramente una piacevole serata per tutti gli amanti del rock vecchio stampo. Ed ora aspettiamo con ansia il prossimo concerto!

 

 

SETLIST:

Where Do I In

Kansas

There Goes The neighborhood

Promise Her The Moon

Going Where The Wind Blows

Don't Stop

Just Take My Heart

Daddy, Brother, Lover, Little Boy

Fantastic

Take Cover

Wild World

Rose Alone

Thirty Days In a Hole

Stranger In My Life

Dancing With My Devils