CONDIVIDI

mer

20

mar

2013

Recensione DEPECHE MODE - "Delta Machine"

Italian version

English version

 

DEPECHE MODE

Delta Machine

Columbia Records

Release Date: 26 marzo 2013

 

 

 

Fare musica non è da tutti. Farne un’arte e riuscire a mantenere stile e successo per anni senza mai cadere nel troppo commerciale, nell’ovvio o nel ripetitivo è difficilissimo. I casi sono due: o sei un fottuto genio o sei uno dei tanti. Martin Lee Gore è un fottutissimo genio perché attraverso oltre tre decenni fatti di concerti dal vivo, album, collaborazioni, dj set e chi più ne ha più ne metta, ha portato i suoi Depeche Mode ad essere considerati una delle icone musicali per eccellenza e non di un genere, ma della musica a tutto tondo. Se poi hai la fortuna di avere come compagno di avventura un interprete dell’animo umano come David “Dave” Gahan, allora plani sul velluto delle certezze. Essere i capisaldi del sinth pop è stato solo un passaggio, un attimo, perché i Depeche Mode non sono classificabili, hanno provato a fare di tutto riuscendovi e continuano a farlo. Arriviamo così a parlare della loro ultima fatica discografica “Delta Machine” in uscita il prossimo 26 marzo.

 

Ancora una volta ci troviamo a discernere di qualcosa che non conoscevamo ancora, qualcosa di non facile definizione. Tra i tredici brani che compongono l’album (nella versione deluxe trovano spazio altre quattro track) non troverete il motivo orecchiabile alla “Enjoy the silence” o una hit dance come “behind the wheel”, perchè il disco si presenta come un unico corpo, compatto, un trattato intimistico elettronico che attraverso il suo portavoce trasuda blues e parla al cuore e alla testa. Troppo facile fare un disco per i fan e vendere milioni di copie, questo album lo hanno fatto lavorando su se stessi, hanno messo sulla bilancia anni di sperimentazioni, sensazioni e situazioni e tirate le somme questo farà si che il disco avrà successo, proprio perché è completamente fuori dai canoni, non va alla ricerca di consensi, li acquisisce attraverso la sincerità.

 

La partenza con “Welcome To My World” è esemplificativa, suoni minimali tanto cari a Andrew Fletcher e la voce di Dave sofferente e decadente come non mai che narra una storia, la loro storia, per poi sfociare nel trionfalismo musicale che solo pochi sono in grado di produrre, attraverso la fantasia onirica e ipnotica che distingue la loro musica da tanto tempo. Con “Angel” è la voce di Dave a trascinare per interpretazione ed istrionismo, riuscendo ad essere un animale raro anche in studio, cosa non da tutti, mentre “Heaven”, il primo singolo estratto di cui è stato realizzato un magnifico video, è la cosa più simile ad un “singolo” che potrete trovare in questo disco, senza per altro essere una canzone così “facile”. “Secret To The End” e “My Little Universe” ricordano molto da vicino il lavoro fatto sul precedente “Sound Of The Universe” anche se molto più esplosive ed emozionali, mentre “Slow” si appropria del blues, lo elettrifica, lo fa prostrare e poi lo riabilita attraverso l’interpretazione illusionista di un Gahan sopra la media. Quando si arriva a “Broken” ci si rende conto di quante influenze musicali attraversino le menti del trio inglese, di quanto la loro vita trovi sfogo nella loro musica. Ci si trova un po’ di tutto, dal ritornello melodico stile anni 70’ all’elettronica ottantiana, alla chitarra monocorde, il tutto condito da quell’impressione di tristezza mai fine a se stessa che è il marchio di fabbrica.

 

E’ il momento della “ballad”, è il momento di Martin che con “The Child Inside” ci fornisce attraverso la sua interpretazione una nuova splendida “ninna nanna” che contraddistingue da sempre ogni album della band. Con “Soft Touch/Raw Nerve” si torna a all’elettronica minimale e spinta, mentre “Should Be Higher” è il momento nel quale l’interpretazione di Dave recita il kamasutra dell’anima. Su un ritmo sensuale e cadenzato la sua voce danza contrapposta a quella di Martin più esoterica. Altro capitolo di assoluto spessore è “Alone” con tanto di cori che fanno vibrare le sensazioni, per un viaggio sensoriale verso l’infinito. “Soothe My Soul” più danzereccia e casuale, scelto da poco come secondo singolo, è forse la meno riuscita del lotto. Arriviamo così alla conclusione con “Goodbye”, evocativa, west and blues style, una “Personal Jesus” senza l’enfasi dell’originale ma molto più melodrammatica e dall’anima nera.

 

Gore durante un’intervista ha detto che con questo album vorrebbe far stare bene la gente, emozionarla. C’e’ da credere che nemmeno lui si sia reso conto di cosa hanno tirato fuori questa volta. Chi conosce i Depeche Mode sa quanto il loro approccio alla musica sia sempre stato molto “personale”, sono sempre stati in grado di andare a solleticare la fantasia dell’ascoltare, ma questa volta hanno fatto qualcosa di più, creando una forma di “dipendenza”, di asservimento consensuale dal quale non ci si vuole staccare. Una volta entrati dentro “Delta Machine”, riesce difficile poi pensare di poterne fare a meno, anzi, sarebbe triste pensare di farlo.

 

 

Recensione di Emiliano Vallarino

 

 

Tracklist:

01. Welcome To My World

02. Angel

03. Heaven

04. Secret To The End

05. My Little Universe

06. Slow

07. Broken

08. The Child Inside

09. Soft Touch/Raw Nerve

10. Should Be Higher

11. Alone

12. Soothe My Soul

13. Goodbye

 

Line up:

Dave Gahan (voce)

Martin Gore (chitarra, tastiere)

Andy Fletcher (tastiere)

 

Links:

www.depechemode.com

www.facebook.com/depechemode

twitter.com/depechemode