CONDIVIDI

mar

02

apr

2013

COCOROSIE: tre date a giugno!

DNA concerti è felice di presentare COCOROSIE tre date a giugno!

 

14 giugno 2013 – Milano – Magazzini Generali
ingresso: 15 euro+d.p.
Inizio concerto: 20,30
Prevendite disponibili da venerdì 5 aprile su www.ticketone.it

 

15 giugno 2013 – Roma – Villa Ada
ingresso: 12 euro+d.p.
Prevendite disponibili da venerdì 5 aprile su www.ticketone.it

 

16 giugno 2013 – Soliera (MO) Arti Vive Festival
Piazza Lusvardi – in collaborazione con Fondazione Campori
ingresso: 15 euro+d.p.
Prevendite disponibili da venerdì 5 aprile su www.ticketone.it

 

 

 

Dopo anni di assenza le sorelle più stravaganti ed eccentriche del panorama indie, autrici di un’inconfondibile miscela di folk, elettronica, hip hop e lirica annunciano un lungo tour europeo che toccherà anche l’Italia per presentare al pubblico il nuovo album Tales of a GrassWidow, seguito del fortunato Grey Oceans del 2010, che vedrà la luce a fine maggio su label City Slang. L’album viene anticipato dal bel singolo Gravediggress (che potete sentire qui sotto).

Nel 2012, Il duo ha pubblicato, dopo 2 anni di silenzio, il singolo We Are On Fire, registrato con la supervisione di David Sitek dei TV On The Radio a Los Angeles. Il singolo è uscito in versione digitale e in vinile e contiene la b-side Tearz for Animals, che vede alla voce Antony Hegarty voce degli Antony and the Johnsons, registrata la primavera precedente nel loro studio di Brooklyn. La copertina del singolo è firmata dalla stessa Bianca Casady, che si dedica all’arte con lo pseudonimo di Twin Rivers, e dall’artista Jesse Hazelip.

 

Grey Oceans, il quarto album delle sorelle Casady è stato registrato per buona parte a Buenos Aires in un piccolo studio vintage sotto la supervisione tecnica di Nicolas Kalwill, nome celebre della musica argentina e ingegnere del suono di album rinomatissimi della musica sudamericana.
Grey Oceans è dunque un disco profondamente internazionale, una sorta di raccolta di sensazioni e umori che le due sorelle hanno saputo tradurre in musica con l’apporto di collaboratori di grande talento e mestiere. Oltre che a Buenos Aires l’album è stato registrato tra Parigi, Berlino, New York e Melbourne e questo cosmopolitismo musicale ha segnato indubbiamente la direzione sonora del duo, che in Grey Oceans spinge con forza verso il free jazz e l’improvvisazione, estremizzando le differenze di stile sempre esistite tra le due sorelle.

I tre album precedenti delle sorelle Cassidy, La Maison de Mon Rêve, Noah’s Ark e The Adventures of Ghosthorse & Stillborn ci hanno presentato i loro paesaggi sonori unici, talvolta inquietanti ma sempre affascinanti e originali.

Dai loro esordi nel 2003 come folk vocal duo – che utilizzava l’arpa, la chitarra acustica, le tastiere e una schiera di giocattoli cigolanti – fino al loro divertente quanto obliquo hip-hop a cui partecipano il beatboxer e MC francese Spleen e talvolta l’amico Patrick Wolf al violino e voce, le CocoRosie si sono evolute in modo consistente, forzando i propri limiti per sfuggire alle aspettative e spiazzare l’ascoltatore.