CONDIVIDI

mar

09

apr

2013

SUEDE: in concerto in Italia per un'unica data a Novembre

Pionieri del brit-pop primi anni novanta ed icona della trasgressione giovanile, a distanza di dieci anni dal loro ultimo album, la band di Brett Anderson e soci torna in Italia per un’unica imperdibile data per presentare il nuovo acclamato Bloodsports, degno successore di Coming Up, il disco di maggior successo della band.

 

** UNICA DATA ITALIANA **

14 NOVEMBRE 2013

Bologna - Estragon

Via Stalingrado, 83 
Apertura porte Ore: 20.00 - Inizio Concerti Ore: 21.30 
Prezzo del biglietto: 30 euro + diritti di Prevendita 
Biglietti in vendita dalle ore 10.00 di giovedì 11 aprile sul nostro Vivo Club, venerdì 12 aprile sul circuito online di Ticketone, dalle ore 10.00 di sabato 13 aprile in tutti i punti vendita Ticketone (online e punti vendita fisici) e dalle ore 10.00 di venerdì 19 aprile in tutte le prevendite autorizzate 
Informazioni su come acquistare i biglietti: 
Ticketone – 892.101 - www.ticketone.it 
Bookingshow - 800.58.70.55 - www.bookingshow.it 
Piemonteticket.it – 02.54271 - www.ticket.it 

 

Info: www.vivoconcerti.com

Non c’è band al mondo che sia stata in grado di riscrivere la propria storia come i Suede nel 2013. In occasione dello show one-off del 2010 alla Royal Albert Hall di Londra, la band si rende conto di quanto sia magico ed adrenalinico ritornare sul palco e riparte per un tour europeo che si conclude con un acclamatissimo concerto alla 02 Arena, davanti ad oltre 20.000 fans. Brett Anderson e soci decidono così di dar seguito all’ultimo disco, che risale a dieci anni fa. Oltre cinquanta pezzi vengono scritti tra il 2011 ed il 2012, ma solo dieci vengono “salvati” dal produttore Ed Buller, già al lavoro per i primi tre fortunati dischi. E l’atteso ritorno dei Suede, BloodsportS, esce il 18 marzo (Warner/Audioglobe), il sesto album di studio, il primo dopo un lungo silenzio. Il precedente, A New Morning, risale infatti al 2002. Bloodsports contiene tutta la rinnovata energia e brillantezza del gruppo e tra adrenalinici echi brit-pop e pezzi strappalacrime, il nuovo lavoro, per voce degli stessi Suede, può essere considerato il seguito ideale di Coming Up, il disco di maggior successo della carriera della band. “Bloodsports parla di desiderio, allonatamenti e di quel gioco carnale senza fine che è l’amore. Se possibile è il disco più faticoso che abbiamo mai registrato ma, al tempo stesso, quello che ci darà più soddisfazione. Contiene dieci brani in pieno stile Suede, drammatici, melodici ma anche noise” dichiara il frontman Brett Anderson. I Suede possono essere senza dubbio considerati i pionieri del brit-pop di inizi anni Novanta ed inclusi tra le band che hanno lasciato un segno nella storia della musica. Formatisi nel 1989, il debutto discografico, Suede, arriva nel 1993 e schizza immediatamente ai vertici delle classifiche anglosassoni come non accadeva ad un gruppo rock inglese da moltissimo tempo. I Suede diventano una vera e propria icona della trasgressione giovanile ed il primo disco si aggiudica il Mercury Music Prize nello stesso anno. L’anno successivo arriva Dog Man Star (il primo disco senza il chitarrista Bernard Butler, autore di numerosi singoli di successo) ma, tra echi dark-wave, il disco non riscuote il successo del precedente. Coming Up esce nel 1996 ed ottiene un successo strepitoso, riportando la band ai vertici delle classifiche di vendita inglesi. Nel 1999 esce Head Music: tra combinazioni pop e sonorità elettroniche subisce l’influenza di band quali New Order, Ultravox, Happy Mondays e Depeche Mode. Nel 2002 esce A New Morning, il quinto album di studio ma il disco passa praticamente inosservato. L’anno successivo esce una raccolta dei singoli di maggiore successo dei Suede. Nello stesso anno la band decide di intraprendere un tour di addio ed annuncia il proprio scioglimento. Dieci anni dopo Bloodsports rappresenta l’attesissimo ritorno della band che ha fatto la storia del brit-pop dei primi anni Novanta. In occasione dell’uscita del disco la band ha presentato il nuovo lavoro davanti ad un affollatissimo Alexandra Palace a Londra, confermando un gran ritorno in piena forma.