CONDIVIDI

mer

01

mag

2013

Live Report JEFF SCOTT SOTO + Metrum + Thunderage @ Blue Rose Saloon - Bresso (MI) - 29 Aprile 2013

Report e foto a cura di Fabrizio Tasso

 

Dopo più di 4 anni finalmente torna a calcare gli stage italiani uno degli autori e showman più prolifici e importanti di tutti i tempi, JEFF SCOTT SOTO. Era infatti il 2009 quando la sua calata infiammò gli italici palchi, supportando il precedente lavoro “Beautiful Mess”. Fu un tour di livello talmente stratosferico che fruttò l'uscita del celeberrimo “One Night In Madrid”, il quale immortalò alla perfezione la grande carica live di Jeff e compagni. Ora, anno 2013, è tempo di rivevere quelle fantastiche emozioni ed assoparare fino all'ultimo secondo ogni singola nota.

 

La serata prevede l'esibizione di due opening act. I primi a suonare sono gli italiani Thunderage, che ci propongono un buon hard rock che spesso sconfina nel metal classico. I ragazzi denotano una buona maturità e una discreta presenza scenica che gli permette di strappare diversi applausi durante la loro esibizione. Peccato per i suoni davvero pessimi che li penalizzano. Non male gli ultimi due pezzi (specialmente “Sliding Doors”). Band interessante.

 

A seguire salgono sul palco gli austriaci Metrum. Quello che subito colpisce di questa band è la giovane età dei musicisti e la simpatia che riescono a trasmettere. La loro proposta è un rock con tinte alternative e spruzzate prog metal. I brani sono estratti dal loro primo cd “Broken”, uscito l'anno scorso e alcuni nuovi brani che finiranno nel loro prossimo lavoro. Molto belle “Perfect Remedy”, “Fail” e la conclusiva “Ditch”, che ci stupiscono per tecnica ed energia. Ottima esibizione e buon responso da parte del pubblico che con i suoi applausi dimostra di aver apprezzato la loro musica.

Adesso non rimane che aspettare Jeff. Nel frattempo il locale si riempe e la temperatura comincia a salire, in tutti i sensi! Prima di parlare dell'esibizione di Soto bisogna fare una premessa obbligatoria. Per arrivare a Milano dalla Grecia la band si è dovuta sobbarcare 9 ore di traghetto fino a Brindisi e 12 ore di tour bus, arrivando mezz'ora prima della loro esibizione. Quindi non ha potuto usare tutta la sua attrezzatura e non ha fatto soundcheck (se non nei pochi minuti prima di iniziare a suonare) ma ha strabiliato tutti con una prestazione di rara intensità e di grande sacrificio. Anche se visivamente stanchi e provati dal lungo viaggio Jeff, Edu (batteria), Jorge (chitarra), B.J. (voce e chitarra) e Dave (basso) hanno infiammato il palco del Blue Rose Saloon con un concerto da incorniciare, sia a livello tecnico che di coinvolgimento. Non c'è che dire, una professionalità unita ad un amore per la musica che non ha eguali. Il live di Jeff è incentrato sulla promozione del suo ultimo lavoro “Damage Control” (recensito sulle nostre pagine), ma non ha certo trascurato i suoi pezzi storici (vedi “Eyes Of Love” e “Soul Divine”), né i brani dei Talisman, racchiusi in uno spettacolare Medley. Spazio anche per “One Love” dei W.E.T. e per gli Steel Dragon con due versioni terremotanti di “Livin' The Life” e “Stand Up”. Non avendo avuto modo di montare le tastiere la band si è dedicata ad un concerto adrenalico e trascinante, dove la qualità dei musicisti e l'incomparabile energia di Jeff hanno raccolto applausi a ripetizione, donandoci continue sferzate di energia che ci hanno travolto come un treno in corsa. Oltre a questo la simpatia innata che ogni membro della band riesce a trasmettere al pubblico si concretizza con l'assolo di batteria di Edu (dove suona la ritmica di canzoni strafamose), nel solo di basso (spettacolare la versione di Billy Jean di Michael Jackson), nei vari divertenti siparietti tra Jeff e i membri della band e nella finale versione a cappella del ritornello di “Community Property”. Considerando che il concerto è stato a rischio cancellazione, quello a cui abbiamo preso parte questa sera è stato un evento unico che ha certificato l'immenso amore che questo staordinario cantante ha per il suo pubblico e per la musica.

 

Un amore immenso che ha portato Jeff ad essere uno dei migliori frontman al mondo, a lui non importa se siamo cento o centomila, il suo impegno sul palco (e fuori) è sempre al massimo livello. Lunga vita a Jeff Scott Soto nella speranza di rivederlo presto sui palchi italiani, magari con gli W.E.T.!

 

 

 

Set List:

1. Take U Down

2. 21st Century

3. Damage Control

4. One Love (W.E.T.)

5. Look Inside Your Heart

6. Soul Divine

7. Tears That I Cry

8. Broken Man

9. Afraid To Die

10. Eyes Of Love

11. Risk (Jorge Salán)

12. Talisman Medley (Break Your Chains/Day By Day/Give Me A Sign/Dangerous

Just Between Us/Mysterious/Frozen/Crazy)

13. I'll Be Waiting/Shot In The Dark (Ozzy)/I'll Be Waiting

14. Livin' The Life (Steel Dragon)

15. Edu Cominato Drum Solo Medley (Run To The Hills/We're Not Gonna Take it/

      I Love It Loud/We Will Rock You)

16. Stand Up (Steel Dragon)

17. Community Property (Steel Panther) a cappella

 

Metrum

Thunderage