CONDIVIDI

ven

17

mag

2013

Recensione CREAM PIE - Unsigned 2.0

CREAM PIE

Unsigned 2.0

AutoProduzione e AutoDistribuzione

Release Digitale 23 Maggio 2013

Release date: 20 Giugno 2013

 

 

 

Un succulento Ep o un mini Lp?? Ben 6 tracce ed una bonus per la nuova fatica dei Cream Pie che con “Unsigned 2.0” tornano alla ribalta del Glam/Hard/Sleaze Rock made in Italy in maniera prepotente. Il sound è fortemente influenzato da grandi gruppi come Guns N' Roses, Motley Crue, Skid Row ed L.A. Guns, frutto della grande esperienza maturata da oltre 200 live tra Italia ed Usa fino al 2011, quando iniziò la registrazione di “Unsigned 2.0”.

 

Panning left/right di chitarra per introdurre il ruggito iniziale di Rachel O’Neill in “Tiger”, brano in chiara chiave Glam Rock stile Motley Crue/Hardcore Superstar. Sonorità corpose e riff avvincenti che danno un'ottima presentazione all'Ep; “See Ya Later” trae ispirazione dal groove e dalle sonorità della Les Paul di Slash con i Velvet Revolver affiancata ad un cantato più tagliente e contornato da un backing vocal ben equilibrato. Viene riproposto il panning left/right anche sulla lead guitar durante il solo a riempire il panorama sonoro.”The Evil Inside” parte tagliente come una lametta per poi viaggiare con un riff modello “schiacciasassi”; alla parte vocale leader viene affiancata una backing in semi growl mentre il ritornello porta alla mente sonorità dei Guano Apes, interessanti i cambi di tempo ed il solo, semplice ma ben “appoggiato”. Mid tempo Ballad “Such a Psycho” che si ravviva a tratti e che mette in rilievo le capacità vocali di tutto il gruppo. “No Love Remains” vanta un ottimo intro in arpeggio di 6 corde acustiche ma che per struttura e sonorità ricorda “Wasted Time” degli Skid Row, seppur rivista e semplificata, con un primo solo su monocorda non proprio convincente. Chiara influenza Crashdiet/Motley Crue in “Bad Habits”, dal main riff saturo e carico, con Rachel O’Neill che si fa supportare dagli ottimi cori della band fino ad arrivare all'assolo che si riscatta del precedente per armonizzazione e tecnica usata. Souther Hard Rock trascinante per la bonus track “Missin' You”, fiera dei riff delle due chitarre e dell'accattivante solo “botta e risposta”, chiusura egregia per l'EP.

 

Un EP che denota esperienza musicale e maturità compositiva, nonostante vada a pescare in alcuni generi ove già è stato detto di tutto e di più. Un'ottima cura è stata data alle sonorità ed alla musicalità dei brani, specialmente ai main riff che caratterizzano positivamente i brani, sebbene alcuni arrangiamenti, soprattutto di alcuni soli, avrebbero richiesto uno studio armonico maggiore. Una ottima base per un LP di rilievo.

 

Recensione a cura di Luca MonsterLord

 

Tracklist:

1. Tiger

2. See Ya Later

3. The Evil Inside

4. Such A Psycho

5. No Love Remains

6. Bad Habits

7. Missin’ You (Bonus Track)

 

 

Lineup:

Michael Drake - bassist

Nikki Dick - guitarist

Rachel O’Neill - singer

Phantom - guitarist

Brian Kent - drummer

 

Contacts:

Official WebSite

Official Facebook Page