CONDIVIDI

lun

20

mag

2013

Recensione THE WONDER YEARS - The Greatest Generation

THE WONDER YEARS

The Greatest Generation

Hopeless Records

Release date: 14 Maggio 2013

 

 

 

 

Torna lo spensierato, gioviale e delizioso pop-punk griffato The Wonder Years, band dalle radici native di Philadelphia giunta al quarto lavoro discografico “The Greatest Generation”.

 

Ben tredici sono le tracce dell'album e a farne da sponda ci sono le piacevoli note dell'opener “There, There”, un pop fresco e solare che suona ideale per ogni stagione. Il tocco punkeggiante ravviva il disco già dalla successiva e coinvolgente “Passing Through a Screen Door”, fedelmente seguìta dalla spumeggiante“We Could Die Like This”. Ma non finisce qui, perchè ad arricchire il percorso più esaltante della tracklist arrivano la variopinta “The Bastards, The Vultures, The Wolves”, l'accoppiata in Sum 41 style formata da “Teenage Parents” e dall'avvincente “A Raindance In Traffic”, la dirompente “An American Religion (FSF)”, la coinvolgente nonché curiosa “Cul-de-sac” e infine, a fare da gustosa ciliegina, l'ariosa “Chaser” dalle gradite sonorità griffate Simple Plan. Potevano mancare i momenti dallo sfondo a tinte soft? Assolutamente no e l'onore spetta alla brillante”Dismantling Summer”, l'acustica “Madelyn” e la mid-tempo “The Devil In My Bloodstream”, che parte in piacevole sordina per poi lasciarsi amabilmente accompagnare dalla batteria, ma non solo, per l'occasione il frontman Dan Campbell è affiancato dalle garbate corde vocali di Laura Stevenson.

 

Una parentesi a parte la merita la conclusiva “I Just Want To Sell Out My Funeral” che, a dispetto del titolo, è una traccia assai geniale per ben tre motivi: non perde un colpo nonostante la durata di oltre sette minuti, presenta variazioni di tempo che la rendono speciale e infine trasmette il desiderio di ascoltarla di nuovo anche se, a dirla tutta, il doveroso bis lo merita l'intero disco di questo scoppiettante sestetto americano.

 

Da sottolineare in coda che l'album è stato prodotto da Steve Evetts, colui che ha posto il suo sigillo anche nel precedente lavoro della band “Suburbia I've Given You All And Now I'm Nothing”.

 

Recensione di Francesco Cacciatore

 

Tracklist:

 

1.There, There

2.Passing Through a Screen Door

3.We Could Die Like This

4.Dismantling Summer

5.The Bastards, The Vultures, The Wolves

6.The Devil In My Bloodstream (feat. Laura Stevenson)

7.Teenage Parents

8.Chaser

9.An American Religion (FSF)

10.A Raindance In Traffic

11.Madelyn

12.Cul-de-sac

13.I Just Want To Sell Out My Funeral

 

Line-up:

Dan “Soupy” Campbell - Lead vocals

Matt Brasch - Guitar. backing vocals

Casey Cavaliere - Guitar, backing vocals

Nick Steinborn - Keyboards, backing vocals

Josh Martin - Bass guitar, backing vocals

Mike Kennedy - Drums

 

Links:

www.thewonderyearsband.com

www.myspace.com/thewonderyears

www.facebook.com/thewonderyearsband