CONDIVIDI

ven

27

set

2013

Recensione SAMMY HAGAR - "Sammy Hagar & Friends"

SAMMY HAGAR

Sammy Hagar & Friends

Frontiers Records

Data Pubblicazione: 24 Settembre 2013 (USA) - 27 Settembre 2013 (Europa) – 29 Settembre 2013 (UK)

 

 

SAMMY HAGAR aka The Red Rocker, ex Montrose, ex lead singer dei Van Halen dal 1985 al 1996 - militanza che gli valse l’iscrizione alla Rock and Roll Hall Of Fame - e attuale membro del supergruppo Chickenfoot, torna con un disco bomba dal titolo SAMMY HAGAR & FRIENDS, che vanta la collaborazione di mostri sacri del rock, quali Kid Rock, Nancy Wilson (Heart), Ronnie Dunn (Brooks & Dunn), Michael Anthony (ex Van Halen, Chickenfoot ), Neal Schon (Journey), Chad Smith e Joe Satriani (Chickenfoot), Bill Church e Denny Carmassi (Montrose), The Wabos e altri.

 

Che dire, certo non stiamo parlando dell’album più originale attualmente in commercio, ma quando ci si trova davanti a un lavoro così ricco di contributi al top non si può che essere contenti della goduria provocata dall’ascolto, poi se i pezzi grossi del rock fanno a gara per esserci significa che l’artista ha il suo gran peso e il suo perché, del resto Hagar non ha bisogno di presentazioni, si sa.

 

Le canzoni si alternano tra nuove e già sentite, ma è la passione contagiosa del super rocker quella che ogni singolo brano lascia fuoriuscire senza risparmiarsi mai. Si apre con “Winding Down” e il suo giro di blues, per poi proseguire con la più dura e calda “Not Going Down”, cui fa seguito la rivisitazione “americana” di “Personal Jesus”, che non piacerà ai fan dei Depeche Mode, ma che lascerà subito spazio al folk tradizionale di “Father Sun” cantata insieme al figlio Aaron. Leggero è il tono generale di un disco per tutti, patriottico nel sound che va dall’hard rock al country al blues al folk e così via discorrendo. “Knockdown Dragout” in coppia con Kid Rock è uno dei pezzi più tirati, con Joe Satriani alla chitarra solista e da solo vale tutto il disco. “Ramblin’ Gamblin’ Man” omaggia a dovere Bob Seger e “Bad On Fords and Chevrolets” ci fa viaggiare con la mente nel profondo sud Americano che poi viene abbandonato per aprirsi alla fisarmonica cubana di “Margaritaville”.

 

Ma la chiusura è rock, il grintoso rock di “Going Down” con Neal Schon alla chitarra, che ci fa emozionare e ricominciare. Detto ciò, l’energia e la carica che ci sono qui dentro tanti giovani se la sognano e questo uomo di 66 anni ha dimostrato ancora una volta quanto con la musica ci si possa divertire e se si è tra amici ancora di più.

 

 

Margherita Simonetti

 

 

Tracklist:

1. Winding Down

2. Not Going Down

3. Personal Jesus

4. Father Sun

5. Knockdown Dragout

6. Ramblin’ Gamblin’ Man

7. Bad On Fords and Chevrolets

8. Margaritaville

9. All We Need Is An Island

10. Going Down(Live in Studio-Take 1) 

 

Deluxe Edition:

- Space Station #5 (Live From Ronnie Montrose Tribute Concert) Bonus Track

- DVD: Knockdown Dragout (videoclip) – “Making of the Album” documentary

 

 

Web site:

www.redrocker.com

twitter.com/sammyhagar

www.facebook.com/SammyHagar