CONDIVIDI

ven

04

ott

2013

Recensione ROBERT DAHLQVIST - "Solo"

ROBERT DAHLQVIST

Solo

Despotz Records/ Cargo

Data Pubblicazione: 04 Ottobre 2013 (G/S/A) – 07 Ottobre 2013 (Europa)

 

 

SOLO è il debut album del chitarrista ROBERT DAHLQVIST, il quale, dopo dieci anni di militanza nei grandi Hellacopters, quattro anni con i Dundertåget e svariati lavori free lance, ha sentito la necessità di concentrarsi su un disco più intimo e personale, totalmente cantato in lingua svedese e, superati due anni di difficoltà e di intenso suonare ecco il bell’esito, dai timbri limpidi e cristallini e di una raffinatezza speciale. Tanti gli arpeggi dettati da chitarre lievi per un risultato dal retrogusto anni ’80 con qualche staffilata rock buttata qua e là (si ascolti “Redo Nån Gång”, per esempio).

 

Registrato, mixato e prodotto da Björn Olsson (Union Carbide Productions, The Soundtrack Of Our Lives), il disco è introdotto da “Jag Va Kött Och Blod”, un brano lento e questo è più o meno il trend generale, con l’aggiunta di sferzate di energia volte al brit pop nonché al folk scandinavo e con “Sneseglaren”, “Inte En Dag” e “Ta Det Kallt” elette migliori canzoni .

 

Il giusto approccio a SOLO dovrebbe essere quello della curiosità, quella che si ha verso un artista emergente per esempio, senza partire ricercando lo stesso tipo di sound garage rock Hellacopteriano, altrimenti la delusione potrebbe elevarsi all’ennesima potenza e il rischio di non farsi piacere quest’opera sarebbe la prima cosa certa. Invece qui c’è dell’ottimo e vale la pena indugiare un attimo, coglierlo e osservare su tutto la tecnica unita al senso di indipendenza che Robert svela sia nella scelta della lingua svedese per il canto che nella morbidezza dei suoni, per spingersi verso una spiritualità e un’ autoanalisi interiore che è solo di proprietà di chi la sta facendo. Ma, soprattutto, quella che traspare dalle note delle undici canzoni di SOLO è una persona diversa: libera.

 

Questo disco è per chi ama la musica e non si fossilizza sull’ascolto di un solo genere e, si sa, chi ama comprende.

 

 

Margherita Simonetti

 

 

Tracklist :

1. Jag Va Kött Och Blod

2. Det Tog En Lång Tid

3. Redo Nån Gång

4. Vi Tar Båten

5. Ingrid Isabel

6. Sneseglaren

7. Inte En Dag

8. Ta Det Kallt

9. Det E Hon

10. Ej Med Flit

11. Åker Tåg

 

 

Line-up:

Robert Dahlqvist_voce e chitarra

 

 

Web site:

www.facebook.com/Robert.Dahlqvist.official

www.despotz.se