CONDIVIDI

gio

24

ott

2013

Recensione THE DIVINOS - "The Divino Code"

THE DIVINOS

The Divino Code

Valery Records

Release date: 4 novembre 2013

 

 

 

Ci troviamo di fronte a un evento in note originale e squisitamente “Divinos”, proprio come il nome che porta la band - THE DIVINOS - dell'ideatore, frontman e songwriting Max Russo che si prepara a stupire col nuovo lavoro “The Divino Code”.

 

 

Stili musicali quali cinema, musical, opera e rock accomunati dall'utilizzo di groove elettronici, chitarre southern rock e piano acustico a dare vita, con tanto di geniale creatività, a un disco dal tocco innovativo che evoca lo stile cinematografico dei gangster movies e del pulp, fino allo spaghetti western come nei film di Tarantino, Rodriguez e Sergio Leone.

 

 

Un masterpiece a otto tracce che sorprende non solo per l'eccelsa fusione tra le melodie Made in Italy, il già menzionato musical, il classic rock e il rap, è unico nel suo genere grazie anche al particolare linguaggio italo americano dei testi tra i quali l'interessante cover di Paolo Conte “It's Wonderful (Vieni Via Con Me)”, in veste anche di ottimo e accattivante videoclip girato con la regia di Luna Gualano. Piano in puro stile saloon, trombetta a tinte musical ed ecco servita su un vassoio d'argento la squillante “You Have To Give Respect”, che cresce grazie a un refrain simpaticamente persuasivo; a seguire la curiosa “I Live Just For The Best” resa tale da un sound a sfondo electro-dance, senza però snaturarne il tocco rock.

 

A fare da eco alla traccia appena descritta ci sono l'avvincente “I Love (The) Dangerous”, l'intrigante title-track (col suo contagioso rap style) e la più teatrale “Doll's Amore”, in quest'ultima spicca la sensualità dei cori femminili godibili tra l'altro in tutto il cd. Le atmosfere pulp si possono ascoltare nella pirotecnica “Pull The Trigger”, ma non solo, a chiudere un interessante siparietto in note vi è un breve dialogo “convenzionale” dall'epilogo che non lascia spazio a dubbi: “God has mercy, I don't”.

“Criminal's Confession” è una ballad che viaggia attraverso l'accoppiata piano/voce, nella quale Max da il meglio di se con un'interpretazione sofferta e toccante allo stesso tempo.

 

E' doveroso sottolineare che “The Divino Code” è una opera a tinte musical di tutto “respect”, termine che non a caso riecheggia lungo il percorso dei testi e che, a maggior ragione, impreziosisce un lavoro davvero “perfect”. Ad arricchire ulteriormente il disco vi sono musicisti quali Roberto Pirami (Vinnie Moore, Michael Angelo Batio, Uli Jon Roth, Blaze Bayley) alla batteria, Simone Massimini ( Vinnie Moore) al contrabbasso elettrico, Marco Bartoccioni al southern & mandolin guitar e Licia Missoni (Steve Hewitt, Spiral 69) al piano classico.

 

Una menzione speciale la merita il live show dei Divinos, ovvero il “Dirty Crime Show” che supporterà l'uscita dell'album e che è già stato acclamato in Inghilterra e Francia, paese quest'ultimo dove la band ha recentemente girato, in collaborazione con la prestigiosa Cité du Cinéma del regista Luc Besson, il video di “Doll's Amore” di prossima uscita come secondo singolo in Europa e negli U.S.A.

 

 

Recensione di Francesco Cacciatore

 

 

Tracklist

1.The Divino Code

2.You Have To Give Respect

3.I Live Just For The Best

4.Doll's Amore

5.Pull The Trigger

6.I Love (The) Dangerous

7.Criminal's Confession

8.It's Wonderful (Vieni Via Con Me)

 

Line-up

Max Russo - Lead vocals & acoustic guitar

Marco Bartoccioni - Guitars

Licia Missori - Piano

Simone Massimi - Bass

Roberto Pirami - Drums & electronics

Chiazzetta aka Corpus Tristi - Italian freestyle comedian

Patrizio “Thoro” Houtermans aka The Godfather - Creative consultant

 

Link

www.thedivinos.com

www.facebook.com/thedivinos

www.reverbnation.com/thedivinos