CONDIVIDI

gio

31

ott

2013

Live Report HAREM SCAREM @ Blue Rose Saloon, Bresso (MI) - 30 ottobre 2013

Report e foto a cura di Andrea Lami

Dopo la recensione di Mood Swing II degli HAREM SCAREM ed il report del Firefest del collega Tasso era impossibile non presenziare all'appuntamento che la Rocker Sound Agency ci ha offerto.

 

Purtroppo, a causa di altri impegni,  riusciamo ad arrivare al locale giusto per ascoltare due pezzi degli OLD MAN'S CELLAR (vedi recensione) una band di tutto rispetto con un cantante decisamente a suo agio in ciò che ci viene proposto.

 

Cambio di palco abbastanza rapido ed ecco arrivare gli Harem Scarem. La prima cosa che balza agli occhi è Harry Hess e Pete Lesperance sono in formissima. Il batterista Darren James Smith è una furia della natura, sia per come suona sia per la simpatia e le batture che fa a raffica tra una canzone e l'altra. “Saviors Never Cry” apre il concerto evidenziando una serie di problemi tecnici che rubano qualche sorriso alla band. Finito il pezzo si lavora tutti insieme alla ricerca della soluzione, con Darren sempre in prima linea a sparar battute e rubare sorrisi ai presenti. Sistemato il problema, si riparte alla grande, i brani dell'ultimo album “Mood Swing II” ma anche dell'omonimo “Harem Scarem” (1991) la fanno da padrone. La band si dimostra forte e compatta proponengo canzoni ricche di melodia ma cariche da far esplodere il locale. Impossibile non essere coivolti nei cori di “Hard To Love”, “Slowly Slipping Away” o nella ballata “Honestly”. Bella sorpresa su “Sentimental Blvd” dove il ruolo di lead singer viene ceduto al batterista.

 

Un concerto di spessore che raramente capita di ascoltare. Complimenti a tutti, band, organizzatori, locale ma soprattutto al folto pubblico intevenuto.

 

SetList:

1. Saviors Never Cry

2. Dagger

3. Hard To Love

4. If There's Was A Time

5. Sentimental Blvd

6. Slowly Slipping Away

7. Honestly

8. Karma Cleasing

9. Stranger Than Love

10. Jealousy

11. Just Like I Planned

12. Empty Promises

13. Mandy

14. Had Enough

bis

15. No Justice

16. Change Comes Around