CONDIVIDI

mar

03

dic

2013

Recensione BRAIN DEAD - "Menace from the Sickness"

BRAIN DEAD

Menace from the Sickness

Punishment 18 Records

Release date: 2 dicembre 2013

 

 

Con un nome che fa chiaro riferimento agli Exodus ad alla prima fase dell'ondata thrash metal americana, ritroviamo i piemontesi Brain Dead, combo di Ivrea qui alla sua seconda fatica, dopo il debutto del 2008 'In the deep of Vortex'. I riferimenti alla band di Holt, Souza & Co. Ci sono tutti, specie nella voce di Felix Liuni, anche se si possono riscontrare elementi di thrash teutone d'ispirazione Kreator. La parte migliore di questo disco sono alcune idee di riffing, coinvolgenti in qualche caso e suonate (come tutto il disco) con energia.

 

Purtroppo le note positive in toto finiscono qui, perchè il songwriting di brani quali 'Land of Cunning' o la title-track risulta veramente molto derivativo e stantio, nonostante l'energia profusa dalle chitarre Vitello e Ricca ma, vuoi una produzione non certo esaltante, una scrittura che non ha (se non in alcuni frangenti) freschezza, fantasia ed idee ed, in fine, degli assoli molto fuori contesto (non intendo volutamente fuori scala alla Slayer, che s'incastrano perfettamente nel risultato finale), non certo brillanti ed anche eseguiti non in totale scioltezza, il disco, nel suo complesso, non si alza oltre il livello della mediocrità e rischia (pure) di apparire un po' anacronistico.

 

Neppure la cover di 'Total Despair' dei Broken Glazz aiuta a dare lustro a questo lavoro. Si spera nel futuro: per ora, no good news!

P.S.= Ok il thrash 80's vintage style, ma la copertina è proprio realizzata male!

 

 

Recensione a cura di Andrea Evolti 

 

Track list:

 

1.The Fallout

2.Land of Cunning

3.Eye of the Cyclone

4.Another Way

5.Evil Dead

6.Razor's Edge

7.The Mission

8.Pay for a Better Life

9.Menace from the Sickness 

10.Final Truth

11.Total Despair (Broken Glazz cover)

 

 

Line-up:

Daniel Giovanetto - Drums

Daniele Vitello - Guitars

Felix Liuni - Vocals

Davide Ricca - Guitars

Alberto Rox - Bass