CONDIVIDI

mar

18

feb

2014

Recensione STAMINA - Perseverance

STAMINA

Perseverance

My Kingdom Music

Release date: 24 Febbraio 2014

 

  

In un periodo nel quale il nostro paese vede in Sanremo lo sfoggio di tutta quell’italianità d’esportazione fatta di rime baciate cuore-amore e buonismo dettati da regole non scritte dalle case discografiche, ma ben radicate e sottintese se si vuole sentire il proprio brano girare tra le varie scalette radiofoniche, è un piacere per le orecchie ascoltare il nuovo disco dei salernitani Stamina.

 

Nove le canzoni che compongono “Perseverance”, terzo capitolo della band capitanata dal funambolico chitarrista Luca Sellitto. Power, sinfonico e con aperture AOR, non può non colpire per la sua freschezza e l’ampio respiro internazionale. La voce di Giorgio Adamo non ha niente da invidiare ai grandi del genere e si incastra in maniera eccellente nelle trame sapientemente cucite da tastiere che spaziano dal prog classicheggiante a suoni più sinth e moderni. Collaborazioni eccellenti, da Nils Molin a Goran Edman, passando per Maria McTurk dei Royal Hunt, band per la quale gli Stamina hanno aperto nel loro ultimo tour. Le canzoni degli Stamina sono vere, piene, non hanno niente di già sentito e portano la band a toccare livelli di eccellenza, anche attraverso meravigliose linee melodiche che fanno gridare al miracolo. Ci si potrebbe soffermare su ognuno dei nove brani che compongono Perseverance e trovare chiavi di lettura cosi variegate e illuminanti che non basterebbero poche righe per commentare la grandezza di questo lavoro.

 

Per chi non li conosce ma vuole avvicinarsi ad un power metal tecnico e ricco di atmosfere pulite e strutturate in maniera impeccabile, è giunto il momento di mettere mano al portafoglio e portarsi a casa gli Stamina e se avete ancora qualche dubbio in rete trovate il video di “Higher”, dopo non avrete più alibi.

 

Con la certezza che gruppi come gli Stamina fanno grande il nostro paese e esportano idee e voglia di suonare grandi pezzi, seppur non presenzino al festival della mela cotonata o alla sagra della melanzana. Come si dice, perché Sanremo è Sanremo.

 

 

Recensione a cura di Emiliano Vallarino

 

Tracklist:

01. Higher

02. Breaking Another String

03. I’m Alive

04. Just Before The Dawn

05. Perseverance

06. Naked Eye

07. Unbreakable

08. Wake Up The Gods

09. Winner For A Day

 

Line up:

Luca Sellitto ( guitars)

Andrea Barone (keyboards)

Lorenzo Zarone (bass)

 

Link:

staminaband.net

facebook.com/staminaitalianband