CONDIVIDI

lun

12

mag

2014

65DAYSOFSTATIC: due date in Italia per il quartetto post rock di Sheffield!

65DAYSOFSTATIC due date in Italia per il quartetto post rock di Sheffield!

65daysofstatic
Venerdì 11 LUGLIO 2014 - Milano – Circolo Magnolia
ingresso: 15 euro
Inizio concerti: 21,00
www.circolomagnolia.it/

Sabato 12 LUGLIO 2014 - Terni – Ephebia Festival
Ingresso gratuito
http://www.ephebia.it/

Hanno scritto su WILD LIGHT:

"... e sul finire del disco, quando la luce entra tutta d'un tratto a illuminare uno dei momenti più catartici e meravigliosi nei dischi di quest'anno... exeunt omnes. Finito. Perfetto." DROWNED IN SOUND 9/10

"I maestri del post-rock di Sheffield. Materiale impressionante. Tech-noir, electro-grandeur da una landa desolata." KERRANG! 5/5

"Un disco che scuoterà la vostr amente dal torpore, un viaggio con uno scopo inimmaginabile e una visione portentosa" ROCKSOUND 9/10

"Il gruppo sembra esprimere la volontà di lasciare questo pianeta" CLASH

"Cos'è il post-rock se non prova a reinventare il futuro? I 65DOS si sono superati. Prisms unisce l'hardcore digitale dei Crystal Castles con la serena complessità strumentale dei Tortoise. La prossima volta che qualcuno vi dice che la guitar music ha finito le idee, indicategli la direzione di Wild Light" NME 8/10

Reduce dal successo del precedente “We Were Exploding Anyway” e dopo due intensi anni trascorsi tra tour in giro per il mondo e progetti paralleli, Il quartetto di Sheffield torna in Italia per presentare il nuovissimo album, WILD LIGHT, uscito a settembre per Superball records ed accolto dalla critica come uno dei migliori album post rock degli ultimi anni.

Dall’uscita del loro ultimo album We Were Exploding Anyway del 2010, i 65 sono stati impegnati per due anni in numerosissimi tour, hanno composto diverse colonne sonore, e sono stati coinvolti in interessanti collaborazioni con svariati artisti, scienziati, inventori di giochi per computer e ballerini. 

Nel 2012 però la band capisce essere arrivato il momento di tornare a dedicarsi alla cosa più importante: la creazione di un nuovo album.
Sin dal loro esordio è sempre risultato difficile definire il genere di musica dei 65daysofstatic, rinchiuderli in un contenitore ed inserirli in una scena precisa. 
Il più delle volte sono stati definiti una band post-rock, ma non è una definizione che gli rende giustizia o riesce a dare un’idea reale del loro universo sonoro. 

Nei primi anni di attività non era inusuale infatti per la band suonare in festival rock tanto quanto in club drum’n’bass. Col passare del tempo il loro suono ha seguito un costante mutamento. Nel 2007 i 65 hanno intrapreso un lungo tour in America con altri gruppi post-hardcore, e un anno più tardi sono stati l’opening band dei CURE in una lunga tournèe negli stadi. E’ difficile dunque classificare i 65 ed inserirli in una nicchia o filone, perché possiamo essere certi che presto quella definizione non risulterà più calzante ed attuale.

L’ultimo lavoro We Were Exploding Anyway ha segnato un ulteriore passo avanti nella loro carriera. In questo album il quartetto si è concentrato nel portare beats dance e chitarre noise in prima linea e nel portare i live ad un livello superiore. La loro peculiarità gli ha permesso di trascendere il convenzionale circuito dei festival e di imbarcarsi in nuove stravaganti avventure: un rave nella Russia più profonda, un concerto all’alba nei boschi circostanti Tokyo e 5 performance al Festival di Edimburgo per sonorizzare dei balletti di danza contemporanea.

READ MORE:
www.65daysofstatic.com.
https://www.facebook.com/pages/65daysofstatic/59496880675?fref=ts

Informazioni al Pubblico: 
http://www.facebook.com/dnaconcertieproduzioni
www.dnaconcerti.com
info@dnaconcerti.com 
www.circolomagnolia.it/
http://www.ephebia.it/