CONDIVIDI

lun

19

mag

2014

Recensione MOTHER ROAD - Drive

MOTHER ROAD

Drive

Road Songs/ AOR Heaven

Release date: 23 Maggio 2014

 

 

Gruppo che, traendo spunto dalla mitica Route 66 denominata anche “The Mother Road”, ci offre un sound vintage di Classic Rock influenzata da ogni membro della band. La chitarra messa in spalla a Chris Lyne si ispira a mostri sacri come Gay Moore, Jimmy age e John Sykes mentre il cantante Keith Slack, frontman degli Steelhouse Lane ed MSG porta il timbro caldo e persuasivo della sua vena Blues. Ne nasce un album, “Drive”, che ci guida attraverso le chiare sonorità di Paul Rodgers, Led Zeppelin, The Black Crowes e Whitesnakes.

 

L'album è esattamente un viaggio che viene percorso a cavallo di una Gibson Les Paul pluggata in amply dal pastoso suono valvolare inconfondibile come Orange e Randall oltre alla comparsata di qualche Marshall JCM900, nei pizzi dal tiro più deciso. Una batteria nitida, sempre precisa e pulita affiancata alla parte ritmica da un basso morbido e “gommoso”. La parte vocale è di forte presenza ed impatto con un timbro alla David Coverdale di mezza carriera, con sonorità calde e vellutate, con una lievissima “sabbiatura”.

 

Tra le Top Track bisogna assolutamente annoverare l'apripista “The Sun Will Shine Again”, la Blues mid tempo “Drive Me Crazy”, la coinvolgente “Still Raining” e la Ballad d'eccellenza “On My Way”. Discorso a parte bisogna fare per “These Shoes” che è praticamente un B-Side degli Whitesnakes come “Dangerous Highway” lo è ma attinta dai Deep Purple mentre “Poor Boy” sembra la copia di “Mississipi Queen” dei Mountain

 

Un primo album di ottima fattura e struttura musicale, arrangiamenti e musicalità sono assolutamente di un livello eccellente, frutto anche della vasta esperienza dei componenti dei Mother Road, gruppo non certo di novellini del panorama musicale internazionale. Certo è che, proprio in virtù di tale aspetto, forse ci si aspettava un gradino in più e magari un pizzico di originalità propria che si vede e non si vede. Di sicuro un album che vale la pena tenere in auto per un lungo viaggio all'insegna del Vintage.

 

 

Recensione a cura di Luca MonsterLord

 

 

Tracklist

1. The Sun Will Shine Again

2. Feather In Your Hat

3. Drive Me Crazy

4. Out Of My Mind

5. These Shoes

6. Dangerous Highway

7. Poor Boy (Long Way Out)

8. Dirty Little Secret

9. Blue Eyes

10. Still Rainin

11.On My Way

 

Lineup

Keith Slack – Vocals

Chris Lyne – Guitars

Zacky Tsoukas – Drums

Frank Binke – Bass

Alessandro Del Vecchio – Hammond & Piano

 

Contacts

Official WebSite

Official Facebook Page