CONDIVIDI

mer

21

mag

2014

Recensione ARRJAM – “Session One”

ARRJAM

Session One

Autoprodotto

Release date: 29 Aprile 2014

 

 

 

Gli Arrjam sono una rock band particolare, ovvero a formazione flessibile, in quanto si alternano elementi della line up ufficiale: Il Daz (basso, anche dei Vicolo Inferno), Got (voce), Moretti Butcher (batteria) e Mauroman (chitarra) con qualsiasi artista pronto a sfogare il suo estro in jam session senza confine.

 

"Session One" è il loro primo album autoprodotto ed è un mix di brani strumentali e cantati, dove il rock si fonde con il funk e la fusion creando un crossover davvero interessante. Si parte rockeggiando con la strumentale “Ali”, mentre “Out of control” così come “Very nice” dove ricordano molto i Red hot Chili Peppers. “Vorrei” è un intermezzo quasi parlato che introduce “Welcome to the cocaine” per chiudere con due versioni ri-arrangiate di “Very nice”.

Senz’altro un album non convenzionale fatto da una band un po’ fuori dagli schemi, che però sa il fatto suo.

 

Gli Arrjam sono musicalmente molto compatti e solidi e la voce di Got completa l’opera; si cimentano in virtuosismi complessi e d’effetto come in una continua “sala prove”, sperimentando senza mai fermarsi. Un full lenght tutt’altro che noioso, anzi, una bella sorpresa!

 

 

Recensione a cura di Monica Manghi

 

 

Tracklist:

1. Ali (Instrumental)

2. Highway 49

3. Out Of Control

4. Dark Fusion (Instrumental)

5. Very Nice

6. "Vorrei"

7. Welcome To The Cocaine (Instrumental)

8. Smashing On The Wall

9. Incomplete (Instrumental)

10. Screaming For

11. Very Nice (Orchestrated Version) bonus track

12. Very Nice (Radio Edit) bonus track

 

Line Up:

Got (vocals),

Moretti Butcher (drums)

Mauroman (guitar)

Daz (bass)

 

Link:

www.arrjam.com

www.facebook.com/arrjam