CONDIVIDI

dom

22

giu

2014

Live Report ANGRA + Purplesnake@ Live Music Club – Trezzo Sull’ Adda (MI) -19 Giugno 2014

Foto e Report a cura di Fabrizio Tasso

Data dai poliedrici ed interessanti aspetti questa  degli inossidabili ANGRA in quel di Trezzo al Live Music Club. Molte curiosità si prospettano agli spettatori accorsi in questa serata. In primis, sicuramente, il poter testare la new entry Fabio Lione dietro il microfono nel combo carioca. L'arduo compito di sostituire i due precedenti singer (Edu Falaschi e Andrè Matos) è un onere che spaventerebbe chiunque, ma non il nostro Fabio che sin dalle prime note di “Angels Cry” dimostra di essersi perfettamente calato nella parte, interpretando la storica song con il suo tipico timbro. Ma procediamo con ordine.

 

Ad aprire questa riuscitissima serata troviamo i Purplesnake, spettacolare tribute band di Whitesnake e Deep Purple (era Mark III-IV) che subito impressiona il pubblico grazie alla loro bravura. Tra i tanti emulatori di Coverdale e compagni la band spicca grazie ad un coinvolgimento ed una tecnica che in pochi possiedono. Tra l'altro i ragazzi hanno ospitato sul palco, in un recente passato, personaggi del calibro di Bernie Marsden, Dough Aldrich e Reb Beach, non proprio gli ultimi arrivati. Il loro concerto prosegue su ritmi altissimi senza avere cali di tensione. Grandissima la prova di Alex Jarusso dietro il microfono, che non scimmiotta Coverdale, ma aggiunge tanta farina del suo sacco ricevendo un'ovazione specialmente in “Judgement Day” con un acuto da favola. Il resto è storia con le varie “Burn”, “Ready & Willing” e “Bad Boys” a riscaldare il pubblico in maniera egregia.

 

 

L'ultima calata degli Angra nel nostro paese risaliva al 2011. Molti dopo l'abbandono di Edu Falaschi non avrebbero scommesso un centesimo sulla sopravvivenza della band. Ma l'anima del gruppo sono sempre stati Kiko Loureiro e Rafael Bittencourt e anche questa sera la loro prestazione è stata da incorniciare. Naturalmente la nuova linfa vitale è stata data da Fabio Lione, che da artista navigato ha preso per mano il gruppo in maniera divina. La voce di Fabio, anche se lontanissima da quella dei precedenti cantanti, unita al suo coinvolgente modo di intrattenere la folla, ha reso questa prima data in Italia uno spettacolo denso di emozioni. Tra le varie “Nothing To Say”, “Lisbon” (da pelle d'oca), la mitica “Gentle Change” e il loro cavalli di battaglia (“Carry On”, “Rebirth” e “Nova Era”), oltre alla tecnica immensa, ci colpisce quel pizzico di “cattiveria” che Lione inserisce nelle canzoni, dandogli una nuova incredibile veste, ma senza snaturarle. La sezione ritmica poi, con Felipe Andreoli al basso e l'innesto dell'ultima ora Bruno Valverde (22 anni, prima data in assoluto e senza aver provato!) è il solito rullo compressore, da non dimenticare anche la partecipazione del nostro Alessio Lucatti (Vision Divine) dietro le tastiere.

 

I presupposti per ripartire in pompa magna ci sono tutti, dopo questa entusiasmante performance non vediamo l'ora di poter assaporare un nuovo studio album. Se il prossimo lavoro possiederà la metà dell'energia e del pathos di questa serata sarà sicuramente un capolavoro.

 

Set list Angra

1. Intro

2. Angels Cry

3. Nothing To Say

4. Waiting Silence

5. Time

6. Lisbon

7. Millenium Sun

8. Winds Of Destination

9. Gentle Change

10. The Voice Commanding You

11. Deus Le Volt!/Spread Your Fire

12. Rebirth

13. Unfinisched Allegro/Carry On

14. Nova Era

 

Purplesnake