CONDIVIDI

lun

14

lug

2014

Recensione - JUDAS PRIEST - Redeemer of Souls

JUDAS PRIEST

Redeemer of Souls

Label Epic/Columbia

Release date: 15 Luglio 2014

 

 

 

Quale occasione migliore se non quella di pubblicare un album (il 17esimo della carriera), in occasione del 40 anno di attività??? I Judas Priest si rivestono di Leather and Steel e pubblicano “Reedemer of The Souls” con lo stesso Glenn Tipton dietro i cursori del mixer e nella veste di autore dei brani insieme ad Halford. Lo stampo dei suoni adottati, ignari dell'evoluzione digitale e del nuovo trend in voga, sembra non scalfire l'essenziale ed “asciutta” scelta sonora che ha caratterizzato il periodo di splendore degli anni '80 per i Judas.

 

Con “Dragonaut”assaggiamo subito il flashback dell'intro sancito da un tuono che squarcia il silenzio in una notte piovosa subito illuminata da un riff tritaossa su un 4/4 classico di batteria. La Title Track ricalca l'apertura facendosi forte di un ottima struttura ritmica che culmina nella Best Track “Halls of Valhalla”, brano in chiave epico in un crescendo di acuta maestria. Subito a seguire un'altra Best Track, “Sword of Damocles”, tagliente ed incisiva fino alla granitica e prepotente “March of The Damned”. Il Redentore vuole le sue anime e con l'arrogante “Down in Flames” le reclama promettendo un viaggio “Hell & Back” in chiave Mid Tempo. Rallentano i ritmi sul palm muting di “Cold Blooded”, tripudio vocale per Rob Halford e per il duo alle 6 corde Faulker/Tipton; “Metalizer” è molto in stile “Paintkiller” mentre sonorità blues caratterizzano “Crossfire” che richiama il Black Sabbath's Style. Il viaggio continua con il sapore epico di “Secrets of The Dead” introduzione dell'ultima Top Track “Battle Cry” per poi concludere con la perla, la Ballad “Beginning of The End”.

 

Un album a due tempi, il primo veloce ed affilato, il secondo più lento e meditativo. Sicuramente non il migliore album dei Judas ma possiamo rispolverare il vecchio chiodo di pelle nero borchiato per un tuffo nel vero Heavy Metal Old Style.

 

 

Review by Luca MonsterLord

 

 

Tracklist

01. Dragonaut

02. Redeemer Of Souls

03. Halls Of Valhalla

04. Sword Of Damocles

05. March Of The Damned

06. Down In Flames

07. Hell & Back

08. Cold Blooded

09. Metalizer

10. Crossfire

11. Secrets Of The Dead

12. Battle Cry

13. Beginning Of The End

 

Lineup

Rob Halford - Voice

Glenn Tipton – Guitar and Keyboards

Richie Faulkner - Guitar

Ian Hill – Bass

Scott Travis - Drums

 

Contacts

Official WebSite

Official Facebook Page