CONDIVIDI

mar

11

nov

2014

Recensione ALBERTO RIGONI - Overloaded

ALBERTO RIGONI

Overloaded

Any And All Records

Release date: 1 Ottobre 2014




Quarta opera e capolavoro per il bassista Alberto Rigoni che con Overloaded ha veramente superato ogni limite. Si fa in fretta a dare espressività a fraseggi con la chitarra ma con il basso quanti sono in grado di farlo?? A livello mondiale abbiamo personaggi come Nathan East, Jaco Pastorius, Les Claypool (Primus), John Myung (Dream Theater), Tony Levin e Billy Sheehan, tanto per nominare i capolista, beh, in Italia di sicuro bisogna evidenziare Alberto Rigoni. In Overloaded abbiamo anche la presenza di alcuni “fuoriclasse nostrani” delle sei corde come Marco Sfogli (James LaBrie), Simone Mularoni(DGM) e Fabrizio “Bicio” Leo. L'album è stato dedicato da Rigoni al grande bassista Randy Coven (Steve Vai, Ark) che purtroppo è scomparso il 20 maggio 2014 e “Corruption” è la canzone in memoria di Randy.

 

 

 

Ma procediamo con ordine dato che l'opening è affidato a “What's on Your Mind?” tributo alla velocità di comunicazione che il web offre con pro e contro, espresso in un esercizio per basso abbastanza impegnativo. La Title Track “Overloaded” è di netta ispirazione Dream Theater e con un Guest d'eccezione alla chitarra, Marco Sfogli. Il binomio Rigoni-Sfogli si destreggia in un Prog Metal dove emergono anche le sapienti tastiere di Federico Salazzo per una song da incorniciare sotto l'aspetto tecnico ed armonico. “Chron” potrebbe tranquillamente essere colonna sonora per un film d'azione futuristico in stile CyberPunk raggiunto con la capsula interstellare di “Floating Capsule”, brano Top per l'ambientazione ed il panorama sonoro offerto. Sembra di essere proprio all'interno di una capsula in uno stato di quiete e alienazione corporale tale da immaginarsi in un viaggio solitario nell'ignoto; si viene disturbati solo dall'avvicinarsi di un meteorite a 2/3 del brano, un attimo di suspance per poi tornare al viaggio in un limbo di quiete. L'atterraggio non è dei più morbidi perché ci attendono dei riff pesanti come magli su incudini ad opera del secondo Guest del disco, Simone Mularoni. Ottimo il solo ed i caratteristici Sweep di Simone che si sposano alla perfezione con gli Interlude di Alberto; cambio di registro stilistico per “Ubik”, pezzo dal grande tiro ad opera anche del treno ritmico di Denis Novello alla batteria. Una densità significativa per un Prog alla Liquid Tension Experiment, strutturato a 3 voci, basso, chitarra e tastiere dalla resa eccellente. Gioco di armonici naturali ed effetti digitali in “Multitasking” che precede un'altra top Track, “Liberation”. La fusione Rigoni- Bicio Leo genera un brano articolato e in una chiave Rock Melodico da fuoriclasse mentre la bonus track “Glory of Life” sancisce in modo definito, qualora ve ne fosse la necessità, le doti oltre misura della tecnica esecutiva e la capacità melodica di Alberto Rigoni.



I dischi strumentali sono solitamente di non facile “digestione” per i meno abbietti o per coloro che non hanno una radicata conoscenza ed esperienza nell'ambito della produzione di musica. In questo caso la barriera viene abbattuta in maniera semplice, quasi elementare, offrendo la possibilità di carpire immediatamente le caratteristiche salienti del disco ad un ampio bacino di ascoltatori. Un eccellente lavoro di arrangiamento e di impronta melodica che offre degli orizzonti sonori variegati, che non stancano minimamente durante un ripetuto l'ascolto del disco. Complimenti.



Review by Luca MonsterLord

 

 

Tracks Listing

1. What's on Your Mind?
2. Overloaded (feat. Marco Sfogli)
3. Chron
4. Floating Capsule
5. Corruption (feat. Simone Mularoni)
6. Ubick (feat. Simone Mularoni)
7. Multitasking
8. Liberation (feat. Fabrizio “Bicio” Leo)
9. Glory of Life (Bonus Track)

 

Line-up

- Alberto Rigoni : bass
- Denis Novello : drums
- Federico Salazzo : keyboards
Guest:
- Simone Mularoni : guitars
- Marco Sfogli : guitars
- Fabrizio “Bicio” Leo : guitars
- Bill Lee : voice

 

 

Contacts

Official WebSite

Official Facebook Page