CONDIVIDI

mar

21

apr

2015

AC/DC: il batterista Phil Rudd si dichiara colpevole di possesso di droga e minacce

Secondo quanto riportato dal The New Zealand Herald, Phil Rudd il batterista degli AC/DC, si è dichiarato colpevole per le accuse di possesso di metanfetamina e marijuana durante il processo che si è tenuto ieri, 20 Aprile. Ha inoltre ammesso la propria colpevolezza per una delle accuse di minacce di morte, mentre una seconda accusa di minaccia è decaduta.



La sentenza è attesa per il 26 giugno 2015 e rischia fino a sette anni di carcere, ma nonostante ci sia un ammissione di colpa,  la legge neozelandese prevede che il giudice possa comunque non emettere una condanna anche in caso di dichiarazione di colpevolezza.

Al momento Phil Rudd è fuori su cauzione