CONDIVIDI

lun

20

lug

2015

HUNTRESS: Jill Janus ha rivelato la sua lunga battaglia contro il cancro e i disturbi mentali

Jill Janus, frontwoman della band Huntress, ha rivelato a RevolverMag di aver sofferto per quasi tutta la sua vita di gravi problemi mentali - disordine bipolare, multipersonale e schizofrenia.


In quest’intervista Jill divulga la sua storia psichiatrica, i suoi numerosi tentativi di suicidio e la precarietà della sua salute fisica:

“Mi è stato diagnosticato un disturbo bipolare quando avevo 20 anni e fui ammessa in una struttura di igiene mentale. Successivamente la patologia progredì trasformandosi in schizofrenia e disturbo dissociativo dell’identità.

Avevo costantemente tendenze suicida e verso i 25 anni si trasformarono in mania conclamata, non ricordo molto dei miei vent’anni perché persi la memoria a lungo termine.

I miei amici iniziarono a notare che stavo sviluppando altre personalità, come arma di protezione.

Ecco perché iniziai a cambiare il mio nome. Stavo lentamente rifiutando di essere chi sono”.


In aggiunta ai problemi psichiatrici Jill ha affrontato un grave problema fisico:


“Durante il processo di composizione e registrazione del terzo album ho iniziato a sentire che qualcosa di brutto stava crescendo dentro me. In tour con gli Amon Amarth, ho iniziato a sanguinare molto tra un ciclo e l’altro. Ho fatto una visita e il medico ha riscontrato un cancro in fase iniziale nel mio utero, so che sopravviverò. Ho sopportato cose peggiori”:


Lo scorso Giugno, Jill si è sottoposta ad un intervento di isterectomia (rimozione dell’utero) e ora è libera dal cancro.