CONDIVIDI

gio

10

set

2015

Recensione THE DEAD DAISIES - "Revolucion"

THE DEAD DAISIES

Revolucion

Spitfire Music - Ingrooves

Realease date: 22 giugno 2015




Esistono due tipi di super gruppi. Il primo tipo compone album, talvolta anche molto belli, ma il progetto rimane solo in studio (nella migliore delle ipotesi bisogna immaginarsi i musicisti che ripongono i loro strumenti nelle custodie, nella peggiore manco si incontrano). Il secondo tipo invece da seguito in sede live alla loro creatura, cercando in tutti i modi di dare maggiore credibilità alla loro proposta musicale. I The Dead Daisies appartengono a questa seconda categoria e ci si infilano prepotentemente. Date di supporto a Aerosimth, ZZ Top, Kiss, Download Festival e Whitesnake (a Novembre) non sono certo alla portata di tutti, ma la grandissima caratura dei musicisti coinvolti in questo progetto (ed il loro curriculum) parlano da sé.



Questo “Revolucion” è il loro secondo full lenght, ed esce a due anni di distanza dal loro album d'esordio. Il miglioramento compositivo e l'affiatamento sono lampanti, tanto che si può tranquillamente parlare di un album capolavoro. Il ben strutturato hard rock di “Revolucion” si pone in un ipotetico trait d'union tra l'hard rock settantiano e quello d'inizio anni 80. Già dall'iniziale “Mexico” si è immediatamente avvolti dal corposo sound dell'album, che dà proprio quella sensazione di essere su una highway californiana in direzione sud. La perizia tecnica è ai massimi livelli grazie alla poderosa sezione ritmica formata da Marco Mendoza, Brian Tichy e Jackie Barnes (ora sostituiti da Tommy Clufetus), dalla coppia d'asce David Lowy, Richard Fortus, dalla classe di Dizzy Reed alle tastiere e dulcis in fundo dalla straordinaria ugola di John Corabi. Non si può che restare strabiliati dal rock di pezzi come “Empty Heart” o “Make The Best Of It” (l'intro pianistico è da standing ovation) oppure dalle contaminazioni funky di “Get Up Get Ready” e “With You And I”, dalle melodie di “Something I Said” o “Sleep” e dalle due riuscitissime cover di “Evil” (Howlin' Wolf) e “Midnight Moses” (dei Sensational Alex Harvey Band). In ogni caso da qualsiasi parte lo si gira, questo “Revolucion”, non ha punti deboli riuscendo a trasmettere emozioni anche dopo ripetuti ascolti. Blues, Rock, Funk e ritornelli catchy (a volte ruffiani quanto basta) sono le varie facce che i


The Dead Daisies ci mostrano riuscendo nell'intento di farci assaporare la classe, il sudore, l'adrenalina di un album stupendo, dove ogni particolare è curato ai massimi livelli. Non ci resta che aspettare la data del 29 Novembre per farci lasciare di stucco ancora una volta.


Fabrizio Tasso



Track List

01 Mexico

02 Evil

03 Looking For The One

04 Empty Heart

05 Make The Best Of It

06 Something I Said

07 Get Up Get Ready

08 With You And I

09 Sleep

10 My Time

11 Midnight Moses

12 Devil Out Of Time

13 Critical


Line Up:

John Corabi – Vocals

Marco Mendoza – Bass

David Lowy – Guitars

Richard Fortus - Guitars

Dizzy Reed – Keyboards

Brian Tichy – Drums


Link

thedeaddaisies.com

facebook.com/TheDeadDaisies

twitter.com/TheDeadDaisies