CONDIVIDI

sab

19

set

2015

Recensione MUSTASCH - Testosterone

MUSTASCH

Testosterone

Gain Music / Sony

Data Pubblicazione: 18 Settembre 2015

 


 

Dalla Svezia, fucina di grandi talenti musicali contemporanei, arrivano i MUSTASCH con il nuovo album TESTOSTERONE e con una carica adrenalinica ad alta tensione senza cali. Hard Rock e melodia si fondono tra loro avvolgendo le dieci tracce contenute nel disco, che trattano temi di rabbia, desolazione e frustrazione umana, tutte sostenute dalla rocciosa potenza degli armonici e da Ralf Gyllenhammar, frontman di tutto rispetto, dalla voce ruvida, potente, rock e perfettamente allineata al genere proposto.


Il primo pezzo, “Yara’s Song” è un muro sonoro dolce-amaro che fa intendere di che pasta sono fatta i Mustasch, mentre “The Rider” riesce perfettamente a mettere in risalto la solida voce dominante. Il primo video è relativo a “Be Like A Man” (visibile qui ), un pezzo che contiene tutto il loro credo, ossia l’ hard & soft incollati alla grinta indissolubile del combo. “Under The Radar” richiama alla mente i favolosi anni ’90, con un classic rock perfettamente svolto, mentre la chiusura, affidatata alla titletrack, tirata e veloce, carica a dovere e riporta subito alla voglia del riascolto senza interruzione.


Questo è un ottimo disco a conferma che la vena creativa dei Mustasch è viva e pronta ad esplodere in ogni istante.

 

 

Margherita Simonetti


 

Line – Up:

Ralf Gyllenhammar_chitarra e voce

David Johannesson_chitarra

Stam Johansson_basso

Jejo Percović_batteria

 

Tracklist:

Yara’s Song

Breaking UP With Disaster

The Rider

Down ToEarth

The Hunter

Dreamers

Be Like a Man

Someone

Under The Radar

Testosterone

 

Web site:

www.mustasch.net

www.facebook.com/Mustaschofficial

instagram.com/mustaschofficial

spotify.com