CONDIVIDI

mar

10

nov

2015

Recensione DAP - Resonances

DAP

Resonances

Toto Sound Records

Release date: 12 ottobre 2015


 

 

Quando la musica Made in Italy diventa protagonista anche la capitale non manca di omaggiare giovani talenti, e in questa occasione suona a festa per merito del valente DAP, nonché Andrea D'Apolito, uscito con l'album d'esordio “Resonances”.

 

 

Il progetto di Andrea nasce nel 2010 e inizialmente in versione acustica e solista, crescendo e valorizzandosi nel tempo con l'apporto di tre musicisti altrettanto validi: il chitarrista Claudio Toldonato, il bassista Toto Giornelli e il batterista Antonio Marianella dando così vita a una vera e propria band; va sottolineato che l'affiatamento del quartetto è arricchito a priori da una solida amicizia che, unita alla musica, forma un'indissolubile anima folk a sfondo indie.

 

 

Otto tracce che rilassano e che lasciano assaporare momenti a senso unico, grazie ai profumi atmosferici e acustici di “Crossroads”, “Pearl” e del singolo “Stand Back”, impreziositi dalla scia profonda delle ballad “Independence Day” e in special modo di “Stromboli”, brano al quale l'artista romano è fortemente legato in quanto tratta uno dei suoi luoghi del cuore. Le rimanenti “Eye For An Eye”, “Come When I Call” e “Not Again” lasciano spazio a percorsi leggeri e spensierati, rendendo il masterpiece un'altalena di emozioni a più colori.

 

Che altro dire di un album che parla di amore e di un proprio modo di affrontare la vita? Che anche il folk ha un suo doppio lato che si divide tra il passionale e il risoluto.

 

Giunti al capolinea è quanto più meritevole sottolineare che Andrea è autore sia delle musiche che dei testi, e che si è altresì avvalso di preziose collaborazioni quali le voci femminili di Vahimiti Cenci e Sara Sileo, le chitarre di Jorma Gasperi e Daniele Sinigallia (che dell'album è anche produttore artistico), la National resofonica di Alessio Magliocchetti Lombi in “Not Again” e la tromba di Paola Fecarotta nella sentita “Stromboli”. Infine la bella e non indifferente artwork: una selezione di Polaroid ispirate ai brani e scattate dallo stesso D'Apolito, nonché un simbolico collage di otto foto ricordo per un sound booklet ad effetto istantaneo.

 

 

Recensione di Francesco Cacciatore

 

 

Tracklist

Crossroads

Eye For An Eye

Stromboli

Stand Back

Come Whrn I Call

Independence Day

Not Again

Pearl

 

Line up

Andrea “DAP” D'Apolito - voce, chitara acustica e pianoforte

Claudio Toldonato - chitarra elettrica

Toto Giornelli - basso

Antonio Marianella - batteria

 

Link

www.musicofdap.it

www.facebook.com/dapmusic