CONDIVIDI

mer

11

nov

2015

BLASTEMA: l’atteso ritorno a L’Asino che Vola per presentare il nuovo disco “Tutto finirà bene". 

 L’ATTESO RITORNO DEI BLASTEMA

A L’ASINO CHE VOLA PER PRESENTARE IL NUOVO DISCO “TUTTO FINIRA' BENE”

19 novembre ore 22  - Via Antonio Coppi, 12/d - Roma

Ingresso e consumazione 10 Euro

 

 

 

Dopo quasi tre anni dall'uscita del loro precedente lavoro, i Blastema tornano con un nuovo album in cui convivono le loro inclinazioni e i differenti lati espressivi, rincuorandosi proprio in qualità di complementi diversi e necessari all'equilibrata esistenza dell'opera che li contiene

 

Tutto finirà bene è il disco dove abbiamo cercato di mettere a frutto nostra personalità, scuotendoci dalle paure di "cosa fosse giusto fare" e "per chi",  semplicemente scrivendo, suonando, arrangiando e producendo la nostra creatura più ambiziosa con l'impeto e la gioia dell'irresponsabilità.”

 

"C'era qualcosa di sospeso che attraversava le nostre vite, una presenza grigia eterea e incombente, dal quale non riuscivamo a districarci. Per un po' abbiamo cercato di far finta di niente ignorandola, fino a che il peso di questa sensazione di incompletezza è diventata insostenibile. Dovevamo fare qualcosa e abbiamo fatto questo disco. In fin dei conti, una specie di esorcismo sonoro."

 

Nelle tracce che compongono l'album, l'idea della fine traspare come devota certezza di un cambiamento di stato, che non importa essere migliorativo o peggiorativo, a questo nessun giudizio è pronto, purché diventi forma d'altro, fine della stagnazione, in molti casi rinascita, in altri sacrificio volontario e cosciente, in altri ancora ritorno.

 

"Per produrre questo disco sono stati necessari quasi due anni. Abbiamo superato allagamenti, cambi di etichetta, defezioni, distanze. Più di una volta abbiamo pensato di buttare tutto alle ortiche, ma poi c'era quella vocina che sussurrava materna che tutto finirà bene"...

 

Registrato tra Forlì, Reggio Emilia e Como, questo disco consegna alla maturità il lavoro di Alberto Nanni come produttore e suggella l'intesa con l'etichetta Ostile di Alain Pagani, iniziata anni fa e oggi portata a compimento.