CONDIVIDI

mar

26

gen

2016

​MORA & BRONSKI: tornano con un nuovo album,  "2" in uscita il 28 gennaio

Giovedì 28 gennaio 2016 MORA & BRONSKI escono con "2" il loro nuovo CD su iTunes.

A poco più di un anno di distanza da "Naïf", il loro precedente album, MORA & BRONSKI decidono di dare alla luce "2", un nuovo CD composto da 16 tracce tra Blues, Country, Folk Song, Rock'n'Roll e due nuovi inediti.

 

Fabio Mora e Fabio “Bronski” Ferraboschi sono rispettivamente la voce solista e il bassista della pop rock band emiliana i RIO.

I RIO hanno all'attivo cinque dischi da cui sono stati estratti più di venti singoli radiofonici. La loro attività live li ha spinti in giro per l'Italia e per il mondo per oltre undici anni raggiungendo il numero di oltre seicento concerti.

 

Fabio Mora ha militato in numerose formazioni del panorama musicale italiano di matrice blues, soul e rock. Nel 2002 ha fondato i RIO. Oltre che frontman e autore di molte canzoni, firma come regista i videoclip della band.

 

Fabio Bronski Ferraboschi ha iniziato la sua attività come produttore, fonico e songwriter

allo studio Esagono di Reggio Emilia collaborando con tantissimi artisti della scena italiana e internazionale. Nel 2014 ha vinto  a Sanremo con il brano “Invisibili” scritto a quattro mani con Cristiano de Andrè il premio S.Bardotti come miglior testo e il premio della critica M.Martini.

MORA & BRONSKI tornano un'altra volta alla radice della musica afroamericana con brani di Muddy Waters, Lead Belly, Jimmy Reed e tanti altri.

 

Dedicano uno spazio ai Motorhead e Depeche Mode, band che non hanno mai nascosto l'influenza del blues all'interno della loro musica.

 

Due ospiti, Francesco Diddi al violino dei "FrankDd and Friends", e Lorenz Zadro chitarrista della "The True Blues Band", e presidente di "Blues Made In Italy", due amici che appoggiano i loro strumenti in alcuni brani.

 

MORA & BRONSKI mantengono l'impronta istintiva e radicale del precedente lavoro registrando solo con l'ausilio di "fiato, mani, piedi e schiocchi di dita", per quanto riguarda le parti percussive e "chitarra, chitarra 12 corde, banjio e steel guitar", per quanto riguarda la parte armonica.

 

 

"Era arrivato il momento di riprendere in mano i nostri strumenti in una versione più intima. Tornare ad un suono, un modo ed un mondo che nel tempo ci rispecchia sempre di più. Con questo approccio, stiamo percorrendo una strada forse dimenticata, tortuosa e priva di scorciatoie. “2” è la giusta evoluzione di "Naïf", ma più profondo, più nero e forse anche un po' più feroce. Mette a nudo le nostre intenzioni, senza fronzoli. Quello che vogliamo, è arrivare dritti al cuore".