CONDIVIDI

ven

19

feb

2016

WHITESNAKE: a marzo il libro "Il viaggio del Serpente Bianco" Tsunami Edizioni

Martin Popoff

WHITESNAKE

IL VIAGGIO DEL SERPENTE BIANCO

Uscita prevista per marzo 2016

Tsunami Edizioni

 

La storia dei Whitesnake parte da lontano, dalle esperienze del cantante e leader David Coverdale in seno ai Deep Purple, che lo rendono una vera rockstar pronta a mettersi in gioco con un gruppo tutto suo.

 

Dalle origini britanniche all’insegna del blues-rock sino alla svolta americana che li ha visti ottenere un successo stellare (il loro album omonimo del 1987 è diventato otto volte disco di platino nei soli Stati Uniti), dal calo di popolarità nel periodo del ‘grunge’ al ritorno sulle scene in grande stile, dai licenziamenti alle reunion e attraverso i vari cambi di immagine e di sonorità, la carriera di questi mostri sacri dell’hard rock è emozionante e imprevedibile come un giro sulle montagne russe – e Martin Popoff riesce perfettamente a dipingerne un quadro tanto realistico quanto caloroso e coinvolgente.

 

Se vi emozionate ascoltando brani come as “Here I Go Again”, “Fool For Your Loving”, “Still Of The Night”, “Slow An’ Easy”, “Crying In The Rain”, “Ain’t No Love In The Heart Of The City”, o “Love Ain’t No Stranger”, ormai diventati dei veri e propri classici, oppure semplicemente volete conoscere tutta l’epopea di uno dei gruppi rock più importanti di tutti i tempi, avete in mano il libro giusto.

 

Martin Popoff è stato definito “il giornalista heavy metal più famoso del mondo”. Con circa 8000 recensioni all’attivo, ne ha ufficiosamente scritte più di chiunque altro nella storia del giornalismo musicale di tutti i generi. Inoltre ha scritto quasi cinquanta libri dedicati a hard rock, heavy metal, classic rock e collezionismo di dischi, per 14 anni è stato il caporedattore dell’ormai defunta Brave Words & Bloody Knuckles, la principale pubblicazione metal del Canada, e ha anche scritto per Revolver, Guitar World, Goldmine, Record Collector e molte altre testate. In più, Martin ha lavorato per due anni come ricercatore per il premiato documentario Rush: Beyond The Lighted Stage e per Metal Evolution, una serie di 11 brevi documentari trasmessa dal canale VH1 Classic. Attualmente vive a Toronto.