CONDIVIDI

lun

30

mag

2016

Recensione QUARZOMADERA - "Apologia Del Calore"

QUARZOMADERA

Apologia Del Calore

Discipline Records

Release Date: 30 Maggio 2016

 

 

 

L’incontro fra Davide Sar(voce-chitarra-bass and keyboardsprogramming) e Tony Centorrino (batteria-percussioni) e Tony Centorrino nel 2000 fa sì che venga messo in cantiere un nuovo progetto musicale, ed è da qui che parte la creazione dei Quarzomadera, gruppo che vede la luce in quel di Monza e si avvale dell’esperienza che i due avevano accumulato grazie alle precedenti esperienze in altre band. Il duetto punta dritto verso un Alternative Rock decisamente intriso dai suoni elettronici della tastiera e da una rigorosa parte cantata in italiano.

 

 

"Apologia Del Calore" è il quarto album in studio per la band lombarda che cerca di chiudere un percorso che cerca di racchiudere idealmente i quattro elementi fondamentali della nostra vita: l’acqua di Cardio & Psiche (2006), l'aria con Orbite (2009), la terra con L'impatto (2012) e quindi il fuoco con questo ultimo lavoro. La colonna portante di "Apologia Del Calore" è sicuramente di natura Alternative con forti tendenze verso le ambientazioni Stoner, dove la componente dettata dalla tastiera programmata da Davide Sar dà un ampiezza notevole al contesto musicale. I testi indicano una notevole propensione a trattare tematiche importanti della società d’oggi e ricchi di elementi di contrasto verso di essa, l’esempio lampante è "Il Gregge", una traccia che è una vera e propria denuncia verso il conformismo malato che ci circonda, dove un testo piuttosto velenoso viene accompagnato da una strumentazione che spinge un po’ più sull’acceleratore rispetto ad un andamento piuttosto blando che invece troveremo nel resto dell’album. Ecco appunto il ritmo scandito dalla band verte su un movimento piuttosto lento e massiccio, carico di atmosfere e suoni che rendono corposo ed avvolgente e tutto questo si percepisce fin dall’ingresso in scena de "Il Nucleo" traccia di apertura che schiarisce immediatamente le idee all’ascoltatore. Interessante è la cover di "Amico Di Ieri", grande successo del gruppo Le Orme del 1975, indurita e rafforzata ma sempre cercando di tenere vivo lo spirito progressive della traccia originale; così come la chiusura interamente strumentale di "Astri (Nascita,Vita,Morte)", che rimarca nuovamente la scelta della band e dei suoi suoni.

 

Il lavoro dei Quarzomadera testimonia il fatto di come i due cerchino dei suoni ricercati e che la struttura sia curata in ogni singolo dettaglio per fare da contorno a dei testi che sono ricchi di figure retoriche, a tratti filosofici ed intellettuali. Un album tutt’altro che banale, soprattutto grazie a delle liriche che vanno ascoltate attentamente per carpirne il vero significato, questo potrebbe scoraggiare un pubblico che cerca una musica più da svago, ma che potrebbe nutrire uno più curioso e volenteroso di scavare più a fondo nell’animo di una canzone.

 

 

Recensione di Matteo Pasini

 

Tracklist:

1. Nel Nucleo

2. Giochi per Dimenticare

3. Il Gregge

4. Al Veleno

5. Era Loop

6. Amico di ieri (Le Orme)

7. Leggimi nel Pensiero

8. Astri (nascita, vita, morte)

 

Line Up:

Davide Sar

Tony Centorrino

 

Link:

www.facebook.com/quarzomadera

twitter.com/quarzomadera