CONDIVIDI

lun

05

set

2016

Recensione TWIN ATLANTIC - "Gla"

TWIN ATLANTIC

Gla

Red Bull Records

Release Date: 9 Settembre 2016

 

 

 

La Gran Bretagna è spesso patria di importanti band che fanno parte della scena Alternative Rock o comunque di etichette indipendenti, e dal 2006 anche i Twin Atlantic, originari di Glasgow, cercano di entrare di diritto in questa cerchia. Il gruppo formato da Sam McTrusty, il carismatico frontman e cantante, Barry McKenna alla chitarra, RossMcNae al basso e Craig Kneale alla batteria nel 2011 si fa notare per il primo album prodotto, quel “Free” che grazie all’omonimo singolo li spedisce in vetta alle classifiche UK facendo apprezzare le qualità della band.

 

 

“Gla” è quindi il secondo album della discografia dei Twin Atlantic, scritto a Glasgow e registrato nel Topanga Canyon a Los Angeles vanta la collaborazione di Jacknife Lee (U2, Snow Patrol, Two Door Cinema Club) che impone una lavorazione alla vecchia maniera, tutto analogico, editing compreso, mentre Alan Moulder (ArcticMonkeys, Foals, Foo Fighters e My Bloody Valentine) si è occupato del mixaggio. Questa fatica discografica viene battezzata col nome dell’aeroporto della città natia dei quattro, segno di un profondo attaccamento alle proprie origini. Le sonorità Pop britanniche si intersecano a quelle Alternative, sfociando in un sound aggressivo e ritmato ma anche orecchiabile, facile da ascoltare e digeribile anche per chi non è prettamente amante del genere.

 

La partenza è tosta, Gold Elephant : Cherry Alligator dà la sensazione di trovarsi di fronte a qualcosa di semplice e complesso allo stesso tempo, perché la riffage della chitarra getta l’ascoltatore fra acque torbide e oscure, lanciando allo stesso tempo una zattera di salvataggio. La particolarità verte proprio in questa tematica, il non voler essere musicalmente scontati e troppo complessi. Una menzione anche per la parte cantata: acida e melodica, carismatica e magnetica, che trova tutto il suo sfogo nella seconda traccia “No Sleep”, della quale è stato prodotto anche il video. L’album verte su  queste tematiche, e spiccano tracce come “Ex El” oppure “You Are The Devil” proseguendo con “MissingLick”, tutte molto potenti e ritmate in grado di coinvolgere con enfasi. I nostri dimostrano anche un lato più soft con la ballad “A Scare To Hide”, chitarra acustica e via, romanticismo puro!

 

“Gla” è un lavoro apprezzabile in tutti i sensi, dal fatto di essere orecchiabili e quindi con delle sonorità che vanno a toccare punti un po’ commerciali tipici del Brit-Pop Britannico per passare a quelli più duri di ambientazioni Rock Indipendenti, e qui l’influenza di band come gli ArcticMonkeys si fa sentire alla grande. La chitarra è l’emblema di tutto ciò, visto e considerato che i riff proposti sono di fatto il perno centrale sul quale si basa il lavoro della band, il modo di scalare dal granito all’argilla dà un senso di ascolto leggero e impegnato, ma  questo è il punto focale dell’album. Per non parlare poi di questa tastiera distorta che spesso riempie i sottofondi ricordando ambienti Industrial. La voce è poi perfetta, l’acidume tipico del Punk, la grinta del Rock e la melodia del Pop, miscelate per dare un senso di pienezza e variazione artistica ad ogni singola traccia.

 

 

Recensione di Matteo Pasini

 

 

Tracklist:

01.   Gold Elephant : Cherry Alligator

02.   No Sleep

03.   You Are The Devil

04.   Overthinking

05.   Ex El

06.   Valhalla

07.   I Am Alive

08.   Whispers

09.   A Scar To Hide

10.   Missing Link

11.   The Chaser

12.   Mothertongue

 

Line Up:

Sam McTrusty- Voce

Barry McKenna- Chitarra

RossMcNae- Basso

Craig Kneale- Batteria

 

Link:

www.facebook.com/twinatlantic

music.twinatlantic.com

twitter.com/twinatlantic