CONDIVIDI

mer

19

ott

2016

Recensione AMARANTHE - "Maximalism"

AMARANTHE

Maximalism

Spinefarm Records

Release date: 21 ottobre 2016

 

 

 

Sin dagli albori degli anni '80 la Svezia ci regala chicche musicali destinate a fare un encomiabile percorso discografico, regalando assoluti effetti speciali come dal 2011 fanno gli Amaranthe, che stupiscono per la quarta volta consecutiva facendoci lieti testimoni del vigoroso, spumeggiante ed emozionale ”Maximalism”.

 

 

Vigoroso per l'acceso ed euforico metal melodico, spumeggiante per la viva ariosità pop-electro-dance ed emozionale per la palpitante atmosfera delle ballad: un mix che grida al miracolo per merito in special modo di Olof Morck, nonché chitarrista, tastierista e anima creativa della band; mentre a dare colorato fiato alle dodici tracce sono la voce angelica di Elize Ryd, quella intensa di Jake E. Berg e le corde roboanti del growler Henrik Englund.

 

Va detto che rispetto ai precedenti lavori questo si presenta come il più vario, ma ciò nonostante la band continua a combinare abilmente cristallina orecchiabilità, eccellente songwriting e stimolanti melodie come nei tre singoli che hanno preceduto l'uscita dell'album: la persuasiva “That Song” col suo groovy-pop ad andamento Lady Gaga (e alla quale si lega un video altrettanto coinvolgente), la trascinante up-tempo “Fury” dominata dalla potenza di Henrik, e la regalità della danzereccia “Maximize” supportata dai synth anni '90 e da un refrain efficacemente incalzante. I ritornelli rappresentano i cavalli di battaglia del combo svedese da sempre e, vista l'iper speciale 'presenza' della cantautrice newyorkese, l'aitante bionda la si può udire ancora in quelli delle sprizzanti “On The Rocks” e “Supersonic”: la prima si eleva al top con un na na na na da autentico sballo, la seconda effonde invece un magnetismo di epicità galattica. Nelle tracce sin qui rammentate (tranne ovviamente il singolo di apertura) il metal di stampo melodico non manca certo all'appello, e al novero già ben assortito si aggiungono l'euforizzante “Boomerang”, l'essenziale “Faster”, la temperata “Fireball” e infine “21”, nonché figlia di un'altra super track quale “Drop Dead Cynical” del precedente “Massive Addictive”; fermo restando che il pop continua a dare comunque il suo solerte apporto, come il cosiddetto cacio che da ancora più gusto a maccheroni di primissima scelta. L'emotività raggiunge l'apice più alto con un trittico di ballad che si differenziano in quanto a stile, ma unite al tempo stesso da un'unica, nitida e fiorente passionalità: “Limitless” è un cumulo di poppeggiante armonia accompagnata da fastose sonorità elettroniche, “Break Down And Cry” ha l'originalissimo e valente sigillo Amaranthe, e a chiudere un indimenticabile giro di sogni a sfondo realistico c'è l'immenso brivido di “Endlessly”: un'epopea orchestrale nella quale la paradisiaca voce di Elize assume la forma di un battito che fa miracoli.

 

Un altro colpo a tracce dorate e che arricchisce ulteriormente il percorso del sestetto di Goteborg, che col proprio multi-sound è riuscito nuovamente a smuoverci con irrefrenabile energia, a farci ballare con esaltante vitalità e a rubarci i cuori con oceanica passione; e davvero nessun titolo poteva essere più azzeccato per il nuovo lavoro, perché gli Amaranthe sono nobili musicisti che vanno decorosamente al Maximalism.

 

Anche 'dietro le quinte' squadra che vince non si cambia, infatti l'album è stato prodotto ancora una volta da Jacob Hansen (Volbeat, Epica, Delain) e masterizzato da Svante Forsback (Rammstein, Apocalyptica, Dragonforce). 

 

Ci lusinga sottolineare che la band ha da poco intrapreso un tour in qualità di headliner assieme a Sonic Syndicate e Smash Into Pieces, e che farà doppia tappa italiana nel mese di novembre: il 17 presso il Live Music Club di Trezzo Sull'Adda (MI) e il 18 al Teatro Miela di Trieste.

 

 

Recensione di Francesco Cacciatore

 

 

Tracklist

Maximize

Boomerang

That Song

21

On The Rocks

Limitless

Fury

Faster

Break Down And Cry

Supersonic

Fireball

Endlessly

 

Line up

Elize Ryd - Lead Female Vocals

Jake E. Lundberg - Lead Male Vocals

Henrik Englund - Growler

Olof Morck - Guitars & Keyboards

Johan Andreassen - Bass

Morten Lowe Sorensen - Drums

 

Link

www.amaranthe.se

www.facebook.com/AmarantheBand